trekking-etc

Articolo

SCIALPINISMO

Alcune note per chi inizia

Questo articolo è dedicato in particolare (anche se non solo) a coloro che sono principianti o incuriositi dallo scialpinismo.

ScialpinismoLe relazioni presentate su questo sito includono anche percorsi impegnativi ma con precise indicazioni di orientamento e di eventuali difficoltà. Si ricorda a tutti coloro che intendono approcciare questa disciplina che esistono corsi organizzati di introduzione e di livello superiore generalmente organizzati da varie sedi del CAI. Se non si è in grado di poterli effettuare, il mio consiglio è che iniziate a fare gite in compagnia di persone esperte e prudenti.

Nello scialpinismo la variabile aggiuntiva rispetto alle ordinarie norme di prudenza che occorre attuare in montagna, consiste nella valutazione delle condizioni della neve. Gite cosiddette “sicure” possono trasformarsi in gite pericolose in rapporto al rischio di slavine. Saper leggere il manto nevoso in condizioni di rischio medio o elevato richiede particolare esperienza.

Molti siti (AINEVA in Italia, SLF in Svizzera, ecc) forniscono nella stagione invernale bollettini aggiornati talora più volte al giorno: consultarli prima della gita è parte integrante della preparazione della stessa. Eseguire gite in compagnia di persone più esperte o su itinerari molto frequentati nei giorni festivi può togliere poesia alla gita ma permette di imparare e di affrontare i problemi che si presentassero in un clima di generale solidarietà (tra scialpinisti).

Artva, pala e sonda devono essere obbligatoriamente utilizzati e portati con sé (in alcune Regioni vi è anche obbligo legale ed eventuale sanzionamento se lo scialpinista non ne è dotato); il loro utilizzo e qualche prova (Artva) con gli amici più esperti può fornire le prime elementari conoscenze in proposito. L’ideale è mettersi in condizioni di non doverne mai verificare il loro uso in condizioni problematiche.

I supporti elettronici che vengono forniti in questo sito (traccia GPS, POI, foto che illustrano il percorso) non devono mai sostituire la cartina geografica e la capacità di orientarla, specie su percorsi non conosciuti.

Se si è alle prime armi consiglio di prediligere il bel tempo e condizioni meteo sicure: ciò faciliterà la buona realizzazione della gita in condizioni di maggiore sicurezza e il pieno godimento della natura e dell’ambiente.

fb, 2013-10-13

Copyright © 2010-2015 trekking-etc - Tutti i diritti riservati
Developed by gb-ing, powered by etc-cms

termini d'uso - esclusione di responsabilità - privacy e cookie

7491902