trekking-etc

Escursionismo

CIMA PAPE

da Bogo

Croce di Cima Pape
e Canale d'Agordo

Bella escursione, in zona poco frequentata, molto renumerativa dal punto di vista panoramico.

Viene qui descritta la salita da Bogo, frazione di Cencenighe Agordino, per la via più breve, mentre per il ritorno viene proposta una deviazione per i Fienili di Campigol e Malga Campedel.

Il sentiero, che in alcuni tratti sale obliquo per ripidi prati, richiede un minimo di esperienza escursionistica e passo sicuro.


Accesso

Lungo la SR 203, al centro di Cencenighe Agordino, poco a valle dell'incrocio con la SP 364, una stradina asfaltata si diparte in direzione ovest verso le frazioni di Martin e Bogo. La si percorre fino a raggiungere e superare Martin, e salendo fino a Bogo, dove si trova parcheggio.

Sul versante opposto della Val del Torcol, torreggiano le cime delle Pale di San Lucano:

20190730_063117_sony


Salita

Dal parcheggio si prosegue per la stradina in direzione est, per poi piegare a destra e risalire lungo il paese,

20190730_063659_sony

fino a uscirne per proseguire su sentiero erboso:

20190730_063958_sony

A sinistra già si staglia la sagoma inconfondibile di Cima Pape, e se ne distingue la croce:

Cima Pape
vista da Bogo

Il sentiero porta a Cioit, altra piccola frazione montana,

Cioit

che si supera, proseguendo su sentiero erboso:

20190730_064818_sony

Poco dopo si raggiunge un bivio,

Bivio sx

dove si svolta a sinistra, per strada bianca:

20190730_065152_sony

si procede per una mezz'ora su questa,

20190730_070058_sony

finché ad un tornante, circa a quota 1550 m, si trova un'indicazione:

Bivio dritti

Qui si prende e si percorre il sentierino che sale nel bosco:

20190730_071905_sony

20190730_072121_sony

Una decina di minuti dopo, a un bivio, si prosegue dritti:

Bivio dritti

Il sentiero si fa più impervio, salendo obliquo per ripidi prati:

20190730_073533_sony

Si procede a lungo per traccia di sentiero, attraversando occasionalmente greti di ruscelli,

20190730_074007_sony

in un caso risalendone uno per una quindicina di metri,

20190730_074450_sony

prima di ritrovare la traccia sulla sinistra, e proseguire, nell'erba alta:

20190730_074710_sony

Il panorama già si allarga:

Panorama
verso la Val Cordevole

Si continua nell'erba ancor più alta,

20190730_075602_sony

finché la vegetazione inizia a cambiare, lasciando il posto a praterie e arbusti più tipici dei 2000 m:

20190730_080222_sony

20190730_081155_sony

Presso località Le Tape, si apre una splendida visuale sui Fienili di Campigol, a cui fa da sfondo l'imponente mole della Marmolada:

Fienili di Campigol
e Marmolada sullo sfondo

Al bivio si prosegue dritti, seguendo i paletti con segno bianco-rosso,

20190730_083747_sony

e all'altezza dei ruderi di Casera Rudelefin Alta ci si tiene a destra,

Bivio dx

poi si prosegue in diagonale fino a raggiungere un ampio anfiteatro erboso:

20190730_085041_sony

In alto a nord-ovest si scorge la sagoma della croce:

20190730_085046_sony

Dopo aver svoltato a destra, in direzione nord, al bivio con indicazione per Cima Pape, si sale su erti prati:

20190730_085412_sony

Il sentiero, dopo aver piegato a destra,

20190730_090249_sony

torna a piegare a sinistra, e più in alto percorre un breve tratto di cresta, dal quale si apre una bella vista sui Fienili di Campigol:

Panorama dalla cresta
con Fienili di Campigol e Gruppo della Marmolada

Ora il sentiero piega a sinistra per aggirare un paio di corpi rocciosi,

20190730_091129_sony

arrivando a superare in obliquo un breve tratto di roccette:

20190730_101650_sony

Non manca molto alla croce, che sembra sempre molto vicina,

20190730_093128_sony

ma richiede ancora un po' di fatica per essere raggiunta.

Il panorama che si apre ricompensa ampiamente dello sforzo fatto: Canale d'Agordo è ben visibile 1500 m più in basso, alla confluenza della Val Garés con la Valle del Biois:

Canale d'Agordo
e Valle del Biois, visti dalla Croce

La vista abbraccia un'ampia distesa di gruppi dolomitici, tra cui la Marmolada, la Civetta-Moiazza, le Pale di San Lucano, le Pale di San Martino, il sotto-gruppo dell'Agnèr:

Agnèr
e il suo sottogruppo

Per salire sulla cima gemella, poco più alta della croce, è sufficiente tornare sui propri passi per qualche decina di metri e salire poco a sinistra. La foto di apertura mostra il nuovo panorama, che comprende anche la croce.


Rientro

Si torna sui propri passi,

20190730_100453_sony

20190730_100546_sony

20190730_101909_sony

fino a ritrovare l'anfiteatro, e proseguire ritrovando e superando i ruderi della casera:

20190730_104254_sony

In località Le Tape,

20190730_105459_sony

anziché seguire il sentiero di andata, si può svoltare a sinistra, seguendo un sentiero che prima si abbassa, poi traversa,

20190730_110336_sony

poi si rialza leggermente,

20190730_110617_sony

fino a Località La Busa, dove si trovano un paio di baite:

Località La Busa

Più avanti si raggiungono i Fienili di Campigol; si tratta di alcune baite, alcune delle quali riammodernate, situate in ordine sparso su un'ampia distesa di prati verdeggianti:

Fienili di Campigol

Un'indicazione mostra la direzione:

20190730_113506_sony

Si scollina presto, e seguendo il sentiero, che ora scende,

20190730_114300_sony

si arriva ad un pascolo,

20190730_114820_sony

dove si trova Malga Campedel:

Malga Campedel

La si oltrepassa,

20190730_115310_sony

scendendo fino a trovare la strada bianca che porta verso valle:

Confluenza dx

La si percorre per un buon tratto, in discesa,

20190730_115956_sony

20190730_121852_sony

fino a raggiungere il punto in cui la si era abbandonata al mattino. Da lì in poi, il percorso di rientro ricalca a ritroso il percorso di andata.

gb, 2019-07-30

Copyright © 2010-2015 trekking-etc - Tutti i diritti riservati
Developed by gb-ing, powered by etc-cms

termini d'uso - esclusione di responsabilità - privacy e cookie

10100580