trekking-etc

Italia Provincia di Brescia Lago di Garda Monte Pizzoccolo Sentiero Alpinistico dei Tre Amici
Sentiero attrezzato

SENTIERO ALPINISTICO DEI TRE AMICI

da Agritur San Lorenzo

20180429_115120

Si tratta di un itinerario selvaggio, poco praticato e abbastanza particolare, che risale un dislivello di un certo impegno, prima di raggiungere la cima del Monte Pizzoccolo. Belli i panorami, come in tutte le salite su questa cima.

Non è quasi mai banale l'orientamento e la risalita lungo il percorso, segnalato in modo discontinuo con bolli rossi talvolta sbiaditi, e attrezzato con un sottile cavetto d'acciaio e qualche breve tratto di corda solo in alcuni punti particolrmente esposti (utile attrezzatura da ferrata).

Adatto solo ad escursionisti esperti, avvezzi a superare senza difficoltà brevi passi di facile arrampicata, e a muoversi su terreni molto scoscesi, con tratti esposti, può dare soddisfazione a chi gradisce questo genere di ascensione.


Accesso

Da Toscolano Maderno si raggiunge il paese di Gaino, poi si prosegue per la Valle delle Camerate, dirigendosi verso l'incubatoio trote di lago.

Nota: se si utilizza l'app, selezionare l'incubatoio per calcolare il percorso automobilistico di accesso ed eventualmente avviare la navigazione.

Si raggiunge e supera l'incubatoio, su strada per lo più sterrata ma ben praticabile, proseguendo fino ad attraversare un ponte in ferro (non il primo ponte che si trova), e salendo fino all'Agritur San Lorenzo di Persegno:

Agriturismo San Lorenzo
di Persegno

Si può parcheggiare, con il permesso dei gestori, all'agritur stesso, oppure proseguire per circa 500 m, fino a trovare una comoda piazzola sulla destra. In questo modo si abbrevierà il percorso di rientro.


Salita

Dall'agritur si prosegue a piedi per circa 300 m, fino a trovare un bivio, con indicazione strada senza uscita, dove si devia a sinistra rispetto alla stradina principale:

Bivio

Oppure, dalla piazzola, si torna indietro per circa 200 m, fino a raggiungere lo stesso bivio, e si devia a destra.

Si prosegue in leggera salita per comoda stradina

20180325_101238

oltrepassando un segnavia:

20180325_101724

Al successivo bivio, si prosegue, oltrepassando una sbarra:

20180325_101914

Al bivio successivo si segue l'indicazione verso destra

Bivio

e poco dopo di nuovo:

Bivio

Si risale lungo un canale

20180325_102634

e ad una successiva biforcazione, ci si tiene a sinistra:

Bivio

Dopo una decina di minuti, in rapida successione, si prende a destra

Bivio

e a sinistra, con indicazione:

Bivio

Un'altra decina di minuti e si raggiunge un punto panoramico, con vista sul Monte Castello di Gaino e sul Lago di Garda:

Punto panoramico

Dopo aver piegato a destra (sud ovest), si sale ancora, e in corrispondenza di un piccolo corpo roccioso lo si supera, direttamente, o aggirandolo sulla sinistra:

20180325_110955

Si sale per boscaglie, su terreno a tratti scosceso,

20180325_111424

finché una quarantina di minuti dopo il punto panoramico il sentiero svolta decisamente a sinistra, traversando in costa

Traverso a sinistra

fino a raggiungere, dopo una decina di minuti, una cresta:

20180325_114618

Si prosegue lungo la cresta, o in qualche tratto poco a sinistra:

20180325_114854

20180325_115025

20180325_115842

20180325_120034

Si arriva così a un punto, circa a quota 1200, dove per evitare un risalto si utilizza una cengia attrezzata che traversa a sinistra, con sottile cordino:

20180325_125953

Alla fine, si ripiega a destra verso la cresta, e la si segue:

20180325_131209

20180429_113157

Questo tratto di cresta, visto dall'alto, si presenta così:

20180429_114300

Si evitano gli ultimi due denti di roccia prendendo una cengia erbosa che scende a destra, parzialmente attrezzata con vecchi spezzoni di corda:

20180429_113604

Si raggiunge così un canalino e lo si risale verso la forcella formata dalla cresta con il corpo principale:

20180429_113722

Dalla forcella, inizialmente a sinistra, si seguono le tracce e gli occasionali bolli e segni, con molta attenzione, poiché il percorso è abbastanza articolato, con brevi traversi alternati a decise e ripide risalite:

20180429_114550

20180429_114756

20180429_114939

Ci si ritrova in cresta,

20180429_115359

ma si devia di nuovo a destra

20180429_115703

entrando in un ampio canale, dove ci si riporta quasi subito a sinistra, a ridosso di un corpo roccioso, per trovare nuovamente un cordino:

20180429_120218

Poi di nuovo cresta

20180429_120444

e in breve si giunge al faro eolico solare:

20180429_120622

Da lì alla vetta è una breve passeggiata:

Cima
e Chiesetta ai Caduti

Splendidi i panorami tutto attorno.


Rientro

Dalla cima si scende verso il Bivacco Due Aceri

Bivacco Due Aceri

e si prosegue lungo il comodo e ampio sentiero:

20180429_123623

Si prosegue sul sentiero, tralasciando le indicazioni per Malga Valle, e dirigendosi verso il Passo dello Spino:

20180429_132614

Lo si raggiunge dopo circa 45 minuti:

Passo spino

Lì si prende inizialmente verso nord-nord-ovest, seguendo l'indicazione per Palazzo Archesane. Si percorre così un comodo e ampio sentiero, mai troppo ripido, prevalentgemente in direzione nord-est e poi est-nord-est:

20180429_133323

In una mezz'oretta si raggiunge Palazzo Archesane, e si prosegue ancora, per 30-40 minuti, fino a raggiungere il punto di partenza.

gb, 2018-04-29

Copyright © 2010-2015 trekking-etc - Tutti i diritti riservati
Developed by gb-ing, powered by etc-cms

termini d'uso - esclusione di responsabilità - privacy e cookie

7491772