trekking-etc

Escursionismo

ANTICA VIA VALERIANA

e Piramidi di Zone

Lago di Iseo e Monte Isola

L’Antica via Valeriana è una via di mezza costa sulla sponda bresciana del lago di Iseo. Da pochi anni è stata oggetto di un’ottima risistemazione da parte della Comunità Montana locale e oggi costituisce uno splendido percorso di trekking che al momento collega Pilzone a Pisogne in circa 24 km con dislivello complessivo di circa 1200 m.

I tratti di strada asfaltata sono brevi e poco trafficati. Fino all’altezza di Marone coloro che ne vogliono usufruire solo parzialmente possono lasciare la Via Valeriana e scendere nei vari paesi in riva al lago e tornare con il treno al punto di partenza.

L'itinerario qui proposto percorre appunto il tratto da Pilzone a Marone, passando così accanto alle Piramidi di Zone, un'area naturalistica in cui processi erosivi e chimici hanno formato dei pinnacoli sormontati da massi erratici molto caratteristici, nei pressi dell’abitato di Zone.

Un’ottima segnaletica e i segnavia a doppia “V” giallo-marrone letteralmente impediscono di sbagliare il percorso, infine una nutrita cartellonistica offre all’escursionista notizie storico-artistiche dei borghi e dei monumenti che incontra:

20170923_103507


Accesso

Si può parcheggiare presso l'abitato di Pilzone, all'inizio del percorso.


Percorso

Originariamente la Via Valeriana collegava Brescia alla Val Camonica e le sue origini risalgono all’epoca romana. Il clima e il paesaggio la rendono un percorso di trekking che si può affrontare anche nei mesi invernali, facile e che se compiuto integralmente richiede solo un po’ di allenamento.

Lungo Via Fenice a Pilzone, appena a nord della stazione ferroviaria

20170923_093920

un cartello indica una scalinata di accesso al percorso:

Bivio

Il sentiero si snoda in direzione nord-est, e presto offre una vista sul lago:

20170923_094831

Si prosegue comodamente tra campi e prati

20170923_095227

e qualche macchia boschiva

20170923_095934

Molto bella la vista su Monte Isola:

20170923_101308

Si transita per località Dosso

20170923_102604

proseguendo per un tratto su strada alfaltata:

20170923_103945

Si oltrepassa la Chiesa di San Fermo

20170923_105051

e si raggiunge l'abitato di Tassano, con la chiesa dedicata ai santi Giustino e Giovita:

Chiesa dei Santi Faustino e Giovita

Ancora un tratto su asfalto, poi un bivio riporta su sterrato, tra verdi campi:20170923_111208

Dopo un discreto tratto di sentiero si raggiunge Maspiano:

20170923_112025

Si passa presso la Chiesa di San Giacomo

20170923_112211

e si risale lungo le vie del paese:

20170923_113247

Presso località Gandizzano, si trova la Chiesa della Madonna della Neve:

20170923_114447

Si prosegue

20170923_114939

con viste sul lago:

20170923_115214

Si prosegue per Via Giuseppe Verdi, si svolta verso il lago in Via Distone, per riprendere quasi subito a destra, seguendo le indicazioni:

Bivio

20171014_124627

20171014_124638

Si attraversa Via Baldassari

Bivio

e si prosegue per sentiero:

20171014_125241

Si attraversa un gruppo di case

20171014_125400

e ad un bivio con fontanella

Bivio e fontanella

si sale per Via Dosso, fino ad un altro bivio tra le case, dove si prende il selciato in salita:

Bivio

Ai due bivi successivi si continuano a seguire le indicazioni, si percorre un discreto tratto nel verde

20171014_130404

poi un breve tratto asfaltato su Via Matteotti per poi deviare ancora verso il sentiero, a sinistra:

Bivio

Sentiero nel bosco

Dopo 500 m circa, si incontra nuovamente Via Matteotti, su un tornante

Bivio

e si prende a destra in salita, fino a un bivio con fontanella

Bivio e fontanella

dove si scende per scalette e riprende il sentiero, per altri 500 m circa

20171014_132046

20171014_132550

fino all'abitato di Vesto:

Bivio

Seguendo le indicazioni si sale verso destra fino a ritrovare un tratto di asfalto su Via Vesto, all'ingresso dell'abitato di Pregasso:

Bivio

Qui si può prendere il sentiero a sinistra della strada, salendo verso l'Eremo di San Pietro, per poi ridiscendere verso il paese. Vale la pena fare una deviazione di pochi minuti verso l'Eremo

Eremo di san pietro

con bel panorama sul lago:

Panoramadall'Eremo di San Pietro

Si attraversa Pregasso

 Pregasso

per Via Ronchi

20171014_134407

e poi per Via Val Pintana, fino a passare sotto la superstrada e attraversare un ponte:

Ponte

Si raggiunge così una rotonda, dove si prosegue dritti per la SP 32, e poi un bivio stradale, dove si procede ancora dritti fino a un successivio bivio dove si svolta a sinistra e poi subito a destra, per Via Monte Grappa, fino al centro di Colpiano:

Colpiano

Si prosegue verso nord per via Castello e si attraversa Via Zone, e poco dopo si svolta a sinistra a un bivio

Bivio

proseguendo per un sentiero leggermente incassato:

20171014_140323

Poi si prosegue per un tratto asfaltato verso nord-est

Bivio

poi per sentiero

20171014_140928

fino a raggiungere nuovamente Via Zone:

Confluenza
con la strada

Il sentiero raggiunge e attraversa più volte Via Zone, salendo fino a raggiungere Cislano:

Cislano

Presso l'uscita del paese, si prende a sinistra ad un bivio con indicazioni

Bivio

passando a poca distanza dalla Chiesa di San Giorgio

Chiesa di San Giorgio

e salendo tra i prati lungo un ampio sentiero

20171014_144432

che poi si stringe

20171014_144707

giungendo a un segnavia:

Segnavia

Ora il sentiero si fa stretto e ripido, in discesa:

20171014_145057

Presto si passa nella zona delle Piramidi, con alcuni punti dai quali è possibile osservarle in sicurezza:

Piramidi di terra

Seguendo il sentiero in direzione di Marone, dopo aver guadato un ruscello si scende

20171014_152258

fino a incontrare Via Monte Marone, e proseguire su di essa:

Bivio

20171014_153601

Infine si giunge nell'abitato di Marone, percorrendo Via Risorgimento e poi un tratto di Via Roma e Via Zanardelli, arrivando così alla stazione ferroviaria di Marone-Zone.


Rientro

Si rientra a Pilzone con il treno della linea Brescia-Iseo-Edolo. I biglietti sono acquistabili presso alcuni esercizi commerciali del paese. E' consigliabile avere con sè una penna per l'auto-obliterazione del biglietto nel caso la macchina obliteratrice della stazione sia fuori servizio.

fb, 2013-09-21

Copyright © 2010-2015 trekking-etc - Tutti i diritti riservati
Developed by gb-ing, powered by etc-cms

termini d'uso - esclusione di responsabilità - privacy e cookie

6898323