trekking-etc

Ghiacciao e misto

PUNTA SAN MATTEO

dal rifugio Berni, passo Gavia

Image033

Bella via normale di salita a Punta San Matteo da Passo Gavia.

E' richiesta esperienza e attrezzatura da ghiacciaio e buona condizione fisica.

Per gli amanti di questo genere di salite, costituisce una meta non particolarmente difficile, ma comunque di soddisfazione. Notevole lo sviluppo dell'itinerario. Da affrontare con condizioni di buon innevamento del ghiacciaio che altrimenti si presenterebbe molto crepacciato.


Accesso

Image004

Punto di partenza è il monumento ai caduti che si trova poco discosto dal rifugio Berni,

Image003

non distante da passo Gavia.


Percorso

Attraversato il torrente Gavia nei pressi del rifugio Berti, uno dei possibili itinerari è quello che segue inizialmente il sentiero n.551 per il bivacco monte Ortles. Aggirato l'ex rifugio Gavia,

Image006

dopo essere saliti di un centinaio di metri,

Image008

si raggiunge una selletta a quota m.2.630. 

Image009

Occorre ora ridiscendere nella valletta sottostante la cascata, perdendo un'ottantina di metri di quota, per poi seguire il corso del torrente lungo un sentiero che, salendo, è segnato da ometti e pali infissi nel terreno.

Tenendo sulla sinistra la cascata,

Image010

in breve si giunge sul ghiacciaio che, dipendentemente dalle condizioni della stagione, potrebbe, in questo tratto, essere completamente coperto di sfasciumi oppure innevato.

Image017

Tralasciare la diramazione per Vallumbrina, ma proseguire per Punta San Matteo.

Arrivati in prossimità della zona seraccata (con forte innevamento appare come un ripido scivolo),

Image021

tenerla sulla sinistra, deviando verso destra per poi salire verso sinistra evitando la zona crepacciata.

Image024

Siamo ora nel primo di due pianori.

Image025

La pendenza è modesta e la direzione evidente: si prosegue costeggiando il crinale che abbiamo sulla destra (attenzione alle scariche di sassi) in direzione della selletta nord che si trova alla base di Punta San Matteo (alla sua sinistra andando).

Image033

La pendenza dal secondo pianoro alla selletta si fa più ripida (30-40°), ma con buon innevamento si giunge velocemente alla base del canalino roccioso che si trova sotto la crestina finale.

Image036

Il canalino ha una pendenza più accentuata, ma è comunque breve.

Per agevolare l'accesso al canalino, nel traverso da effettuare sotto la sua parete di sinistra, sono presenti tre spit. Un ulteriore spit è posto all'uscita del canalino, utile per far sicura e/o come punto di calata per il rientro.

Image040

Superato il canalino, solo una breve, anche se esposta, cresta

Image048

ci separa dalla croce di vetta di Punta San Matteo (m.3.678).

Image044

La vista sul ghiacciaio dei Forni e sulle cime del gruppo Ortles-Cevedale ci ripaga ampiamente di ogni fatica.

Image039


Rientro

Il rientro avviene lungo lo stesso percorso dell'andata.

rd, 2018-07-28

Copyright © 2010-2015 trekking-etc - Tutti i diritti riservati
Developed by gb-ing, powered by etc-cms

termini d'uso - esclusione di responsabilità - privacy e cookie

7491683