trekking-etc

Italia Provincia di Savona Zona costiera Varazze Nostra Signora della Guardia
Passeggiata

NOSTRA SIGNORA DELLA GUARDIA

dai pressi di Varazze

S.M.Guardia

Il Santuario della Madonna della Guardia di Varazze si trova sul monte Grosso e può essere raggiunto da varie strade e sentieri che partono da altrettanti Comuni limitrofi.

La sua costruzione risale all'ottocento, ha un'unica navata con volta a botte e un campanile. L'apertura ai fedeli purtroppo avviene di rado, di certo il 29 agosto durante la festa popolare.


Accesso

Ho deciso di illustrarvi il percorso più breve e semplice per raggiungere il santuario:

- Giunti a Varazze tramite l'autostrada A10, sul lungomare procedere lungo Via C.Battisti, quindi svoltare a dx lungo Via Cavour e si prosegue in Via Don Minzoni attenendosi alle indicazioni stradali che indicano il punto d'interesse.

- Superato il cavalcavia dell'autostrada si arriva all'inizio di una p.p. condominiale dove si parcheggia l'auto lungo la strada.

Partenza


Salita

La mulattiera inizia con una sbarra; è presente un cartello di divieto transito MTB e obbligo di cani al guinzaglio per la presenza di un allevamento. 

Durante la passeggiata incontriamo ginestre e mirti, pini, coltivazioni di ortaggi e un allevamento di pecore. Si notano le pale eoliche poste nell'entroterra savonese (Sassello), i ripetitori posizionati sul Monte Beigua e salendo ancora i vari comuni limitrofi e naturalmente la costa, da Levante a Ponente.  

Coltivazioni

PonenteVarazze, Celle Ligure fino al finalese

Raggiunto il Santuario si gode finalmente di un panorama mozzafiato su tutta la costa ligure, c'è poesia grazie a Camillo Sbarbaro, c'è mare, cielo e silenzio.

DSC06423

Il confine labile tra cielo e mare

I pellegrini possono trovare riparo in una stanza posta sul retro della chiesa (eventualmente anche pernottare), dove hanno la possibilità di scrivere su un diario le proprie speranze ed emozioni.

Intorno al Santuario troverete alcuni tavoli e panche per il pranzo al sacco; portate con voi dell'acqua perchè quella della fontanella non è potabile.


Ritorno

La strada del ritorno è la stessa dell'andata.

gs, 2017-01-14

Copyright © 2010-2015 trekking-etc - Tutti i diritti riservati
Developed by gb-ing, powered by etc-cms

termini d'uso - esclusione di responsabilità - privacy e cookie

7450173