trekking-etc

Alpinismo

CORNO GRANDE DEL GRAN SASSO

vetta orientale e vetta occidentale, dal rifugio Franchetti

DSC_0124

Bellissima escursione alpinistica nel gruppo del Gran Sasso d'Italia che, partendo dal rifugio Franchetti, concatena le due principali vette del Corno Grande e del gruppo: la Orientale per la ferrata Ricci e l'Occidentale per la direttissima.

Le due cime possono essere salite anche singolarmente, costituendo comunque un'escursione di grande soddisfazione.

Volendo salire la sola vetta Occidentale, un accesso alternativo, e più comodo per chi proviene dal versante aquilano, é partire dall'albergo di Campo Imperatore.

Richiesta attrezzatura da ferrata, casco e capacità alpinistiche, anche se non estreme.

La vista da entrambe le cime é eccezionale e spazia dal mare alle principali catene dell'Appennino Centrale.

Questa relazione fa riferimento alla gita organizzata a luglio 2017 dalla SAT di Cognola di Trento.


Accesso

DSC_0145

Questo percorso parte dal Franchetti (per il cui accesso si rimanda ad altro itinerario di questo sito), caratteristico rifugio che domina il Vallone delle Cornacchie, nel Gran Sasso d'Italia.


Vetta Orientale

DSC_0146

Dal rifugio (m.2.435), si prende il sentiero che in piano, in direzione ovest, ci porta immediatamente all'attacco della ferrata Ricci.

DSC_0147

Si tratta di un sentiero alpinistico, per lunghi tratti attrezzato con cordino, che, prima lungo l'ampia cengia che sale lungo la parete sud

DSC_0148

e poi per roccia sempre buona,

DSC_0151

DSC_0156

DSC_0159

ci conduce in breve sulla Vetta Orientale del Gran Sasso (m.2.903) (1h20'-1h40').

Vetta Orientale

 

La discesa dalla vetta avviene lundo la normale

DSC_0169_discesa per la normale

scendendo poi nella conca del ghiacciao del Calderone,

DSC_0170_il Calderone

per puntare al Passo del Cannone (m.2.679) (un'ora dalla cima).

DSC_0175

Dal passo ci si cala nella Conca degli Invalidi

DSC_0176

e si scende in direzione del Ghiaione del Brecciaio nel versante di Campo Imperatore.

DSC_0179

Facendo attenzione a non perdere troppa quota, a circa m.2.350, proprio all'inizio del ghiaione, prendere una traccia

DSC_0180

che risale il pendio in direzione del caratteristico "Sassone" che é situato a quota m.2.560 (3h30'-5h00' dalla partenza).

DSC_0181_il Sassone


Vetta Occidentale

DSC_0183

Dal Sassone salire tendendo leggermente a sinistra (faccia a monte) fino a prendere il canalone della Direttissima.

DSC_0185 (t)

Il tracciato é contrassegnato da bolli verdi. La difficoltà della salità é contenuta (mai oltre il II grado) e non eccessivamente esposta. Richiede comunque capacità alpinistiche ed é vivamente consigliato l'uso del casco. Per giungere in cima ci sono 300 m. di dislivello di piacevole arrampicata (per lo più di I grado).

DSC_0186

DSC_0187

DSC_0191

DSC_0192

DSC_0193

La Vetta Occidentale del Corno Grande (che si raggiunge in 5h00'-6h30' dalla partenza), con i suoi 2.912 m. di quota é la più alta di tutto l'Appennino.

DSC_0199_vetta Occidentale

 

Il rientro dalla cima avviene lungo la via normale.

DSC_0203_discesa per la normale

Ci si riporta poi al Passo del Cannone e quindi alla Sella dei due Corni (m.2.575) (5h45'-7h40' dalla partenza).

DSC_0208_sella dei due Corni

Dalla sella si torna in breve al rifugio.

DSC_0210_il Franchetti

rd, 2017-07-15

Copyright © 2010-2015 trekking-etc - Tutti i diritti riservati
Developed by gb-ing, powered by etc-cms

termini d'uso - esclusione di responsabilità - privacy e cookie

7488652