trekking-etc

Escursionismo

CIMA GINER

dal Rifugio Cornisello

Cima Giner

Maestosa e inconfondibile cima piramidale, visibile anche dalla strada di collegamento fra l'abitato di Pinzolo e Madonna di Campiglio, che domina a nord la conca di Cornisello.

L'itinerario, che risale il versante sudest, si svolge lungo tracce incerte segnalate da sporadici ometti in pietra: vista la difficoltà di orientamento è pertanto necessario salire solo con condizioni meteo stabili e buona visibilità.


Accesso

Per la SS 239, poco sotto S.Antonio Mavignola, imboccare presso un tornante la strada che conduce in Val Nambrone; proseguire per circa 10 km fino al bivio per il rif. Segantini e continuare dritti fino a raggiungere il parcheggio posto in prossimità del rifugio Cornisello (2120 m).

Panorama presso rif. Cornisello


Percorso

Dal parcheggio scendere lungo strada sterrata in direzione dei laghetti di Cornisello, superando in successione due comodi ponti.

Ponte n°2

Una volta superato il secondo, si abbandona la strada principale per mirare direttamente a nord tra prati e roccette cercando la via più comoda possibile.

Deviazione dal sentiero

Dettaglio sentiero

Solo più avanti si iniziano a scorgere i primi ometti in pietra, i quali conducono verso est per sfasciumi fino ad una rampa erbosa; si procede poi lungo la facile dorsale rocciosa fino a scorgere il canalino franoso terminale.

Dettaglio sentiero (2)

Dorsale rocciosa

Si risale dunque il canale (attenzione a caduta sassi!) fino a raggiungere in breve la piccola croce in legno (2957 m).

Canalino franoso terminale

Cima Giner (croce)


Ritorno

Seguire il percorso dell'andata.

Dettaglio sentiero (1)

 

af, 2012-08-18

Copyright © 2010-2015 trekking-etc - Tutti i diritti riservati
Developed by gb-ing, powered by etc-cms

termini d'uso - esclusione di responsabilità - privacy e cookie

7488585