trekking-etc

Sentiero attrezzato

SENTIERO CAMPANILI DEL LATEMAR

da Obereggen / Oberholz

Panorama dal Cimon del Latemarverso lo Schenon

Uno degli itinerari più classici e più belli delle Dolomiti, vario e molto panoramico, moderatamente impegnativo. Davvero interessanti, e in un paio di casi leggermente più impegnativi della media del percorso, i passaggi in forcella tra una cima e l'altra, talvolta su grossi massi incastrati.

Viene qui presentato il percorso con partenza da Olberholz, località raggiungibile da Obereggen per seggiovia. Nonostante questa facilitazione, lo sviluppo del sentiero è comunque degno di nota, con i suoi circa 12 Km. Consultare preventivamente giorni e orari di apertura dell'impianto di risalita.

Il dislivello tra punto di partenza e altitudine massima non raggiunge gli 800 metri, ma le frequenti brevi discese e risalite lo accrescono sensibilmente.


Accesso

Dalla SS 620 della Val d'Ega, presso Novale si devia sulla SP 76, dove si procede fino a Obereggen, dove si trova ampio parcheggio.

Con la seggiovia Oberholz si raggiunge in breve quota 2096.


Percorso

Scesi dalla seggiovia, si imbocca il sentiero 18, seguendo le indicazioni per la Forcella dei Camosci:

Indicazioni

Si segue la stessa indicazione anche poco dopo, ad un bivio:

20180909_085359

Si sale costantemente, a zig-zag

20180909_090314

con un singolo breve e facile tratto attrezzato:

20180909_091750

Si continua a salire

20180909_092721

fino a scollinare

20180909_093317

e risalire ancora

20180909_094401

con un tratto su facili roccette

20180909_094655

e infine un'ultimo tratto di sentiero in salita, per poi addentrarsi in una serie di vallette:

20180909_095359

Le si percorrono in saliscendi

20180909_095603

20180909_100221

fino ad arrivare in vista alla Forcella dei Camosci, 2636 m:

20180909_100828

La si raggiunge circa dopo 1 ora e mezza di cammino.

Dopo averla superata, si entra in un ampio anfiteatro dall'aspetto lunare, dove lo sguardo abbraccia il corpo centrale del gruppo:

Panorama
sul corpo centrale del gruppo

Si traversa ora lungamente in costa

20180909_101824

20180909_101948

e poi sul fondo dell'anfiteatro (ad un paio di bivi si segue l'indicazione Latemarspitze):

20180909_103715

Si sale infine verso la Forcella Campanili, 2600 m

20180909_105651

e la si raggiunge circa 45 minuti dopo la Forcella dei Camosci. Si indossa l'attrezzatura da ferrata:

Forcella Campanili

Spettacolare il panorama, inclusa una vista sul Rosengarten / Catinaccio:

Panoramaverso il Rosengarten / Catinaccio

Si prende verso est, seguendo la traccia di sentiero, ma prestando molta attenzione, anche per il proseguo, a seguire ometti e segni bianco-rossi, tralasciando le ingannevoli tracce che talvolta si presentano.

Si sale verso le prime torri che il sentiero attrezzato costeggia

20180909_111517

20180909_111805

fino a raggiungere i primi cordini:

Inizio cordini

Si procede per lo più orizzontalmente, con occasionali salite:

20180909_112219

Lungo il sentiero attrezzato
20180909_112618

Poco dopo una risalita su terreno erboso

20180909_113134

si giunge alla prima forcella e la si attraversa:

20180909_113254

Lungo il sentiero attrezzato
passaggio in forcella

Colpisce il colore molto scuro della roccia, indice della sua origine totalmente differente dal corpo delle cime. E' anche impressionante il profondo orrido che si apre tra una cima e l'altra, ben visibile mentre si attraversa la forcella.

Si procede di nuovo come prima, con tratti orizzontali

20180909_113633

e occasionali salite:

20180909_113940

20180909_114137

Dopo una breve ridiscesa

20180909_114200

si attraversa la successiva forcella, su masso incastrato:

20180909_114543

Si procede ancora, come prima

20180909_115525

20180909_115752

Senza particolari indicazioni, una traccia si dirama dal sentiero sulla sinistra. Si tratta di una digressione, facoltativa, per il Cimon del Latemar:

Deviazione
verso la cima

20180909_120301

Si raggiunge così la vetta, a quota 2846 m. Sono passate circa tre ore e mezza dall'inizio del cammino, e ci si trova circa a metà della gita:

Cimon del Latemar

I panorami spettacolari ripagano abbondantemente i quindici minuti di salita aggiuntivi.

Ecco una vista sulla Val d'Ega, con il piccolo Lago di Carezza:

Panorama dal Cimon del Latemarcon il Lago di Carezza

Si ridiscende con cautela, non necessariamente seguendo esattamente la stessa traccia, fino a confluire nuovamente sul Sentiero dei Campanili, procedendo di nuovo verso est:

20180909_124334

20180909_124619

Si oltrepassa una piccola forcella

20180909_124921

per proseguire ancora

20180909_125309

fino a una forcella più grande, dove il breve tratto in discesa, ben attrezzato con cordino e staffe, impegna un poco le braccia:

20180909_125614

Si attraversa

20180909_125855

e si risale sull'altro lato:

20180909_130123

Poi inizia un discreto tratto in discesa

20180909_130405

che punta verso il Bivacco Rigatti:

Il Cornon

Finisce il cordino e per sentiero si raggiunge il bivacco:

Bivacco Rigatti e bivio

Si prende ora il sentiero che punta in discesa, di nuovo il numero 18:

20180909_133330

Si risale poi

20180909_133805

e si traversa, lungamente, quasi sempre in piano, su ottima traccia di sentiero, via via meno esposta:

20180909_134252

20180909_134334

20180909_134947

20180909_135619

20180909_140047

20180909_140414

La traccia infine scende fino a ricongiungersi con il sentiero di andata, dopodiché si procede a ritroso, verso la Forcella dei Camosci:

20180909_142144

La si riattraversa,

20180909_144329

si ripercorrono le vallette in saliscendi,

20180909_144910

e la lunga discesa verso la seggiovia:

20180909_145756

20180909_150848

20180909_153433

gb, 2018-09-09

Copyright © 2010-2015 trekking-etc - Tutti i diritti riservati
Developed by gb-ing, powered by etc-cms

termini d'uso - esclusione di responsabilità - privacy e cookie

7491759