trekking-etc

Alpinismo

SASS PORDOI - VIA DIBONA

parte bassa, da Passo Pordoi

Lungo la Via Dibona
in obliquo sulla parete principale

Grande classica dolomitica, molto varia, risale la parete occidentale del Sass Pordoi cercando in modo mirabile la linea di salita meno difficile. La roccia è sempre buona, ma addirittura ottima o eccezionale nei tratti più impegnativi.

La maggior parte delle soste è su anelli cementati, le altre sono realizzabili in modo semplice su spuntoni o clessidre. Sono presenti sufficienti chiodi di via, e qualche clessidra. Per chi desidera proteggersi più frequentemente, raramente è facile piazzare protezioni veloci aggiuntive.

I tratti su cui è relativamente meno facile orientarsi sono la parte alta dell'avancorpo (L3), le prime due lunghezze sulla parete principale (L4, L5), e in parte la zona prima dell'ultima lunghezza (L14).

Ringrazio Flavio -fb- che ha condiviso con me la salita della via e la redazione di questa descrizione, in memoria del nostro compianto e caro amico Armando, che il 29 agosto 2018 è stato vittima di un incidente fatale proprio qui.

Nota: la via qui descritta, che raggiunge la grande cengia detritica, viene comunemente indicata come Parte Bassa. Esiste anche una Parte Alta, meno lunga ma più impegnativa, che sale fino alla sommità.


Accesso

L'itinerario realizza un anello, in senso orario. Il punto di partenza può essere Passo Pordoi, come suggerito in questa descrizione, oppure Pian de Schiavaneis.

Nel primo caso si trova parcheggio nell'ampio piazzale di Passo Pordoi. Nel secondo caso, si può lasciare il mezzo vicino al Ristorante Pian de Schiavaneis, lungo la SS 242 del Passo Sella, o su una piazzola a lato della strada, poco più avanti.

I tre luoghi menzionati sono indicati sulla mappa.


Avvicinamento

Da Passo Pordoi, si imbocca il sentiero sull'angolo sud-ovest del parcheggio:

20190830_065433

Si scende, per sentiero,

20190830_065606

e poi per stradina,

20190830_070416

fino al piazzale antistante l'Hotel Pordoi:

20190830_070603

Si raggiunge la strada, e lungo la strada stessa, o per scorciatoia,

20190830_070810

si raggiunge la Casa Cantoniera,

20190830_070929

dove si imbocca una stradina, inizialmente in direzione ovest:

20190830_071044

Si scende nel bosco, volgendo più avanti in direzione nord-ovest, e dopo una decina di minuti si passa vicino al tornante 16 della SS 48 del Passo Pordoi; si prosegue dritti, ri-allontanandosi dalla strada, inizialmente per un breve tratto asfaltato,

20190830_071818

poi nuovamente su stradina sterrata, che poi inizia a volgere verso nord.

Dopo circa 5 minuti dal tornante, si devia prendendo una traccia di sentiero nell'erba sulla destra:

Deviazione dx

e dopo meno di 5 minuti si ri-confluisce sulla stradina, verso destra:

Confluenza

Si prosegue in discesa, sempre in direzione nord, per una decina di minuti,

20190830_072708

e in corrispondenza di uno sfiato di acquedotto,

Deviazione dx

si devia verso destra per traccia nell'erba, inizialmente poco visibile.

Dopo un paio di minuti si transita a poca distanza da Pian di Schiavaneis,

20190830_073312

e un paio di minuti dopo si confluisce verso destra sul Sentiero delle Marmotte:

Pian de Schiavaneis
bivio

Si raggiunge e oltrepassa un piazzale sterrato,

20190830_073828

proseguendo secondo l'indicazione "Cascate":

20190830_073913

Un minuto dopo si devia a destra, seguendo la medesima indicazione:

Bivio dx

Pochi minuti dopo si devia leggermente a destra, per il sentiero 647:

Bivio dx

Si sale prima nel bosco,

20190830_074727

poi per mugaie,

20190830_075508

e circa venti minuti dopo si lascia il sentiero per prendere una traccia che devia verso destra:

Deviazione dx

Risalendo in obliquo verso destra su ghaie, prati e sassi, si passa sul lato destro di un avancorpo della parete principale,

20190830_080951

poi si sale parallelamente a esso, lungo i prati, fino a raggiungere un grosso masso con visibile ometto, vicino alla parete:

Attacco

Questo è l'attacco della via.


Salita

L1: Si sale per l'evidente canale sopra l'attacco:

Prima lunghezza
arrampicando sull'avancorpo

Chiodo con cordino lungo il tiro:

20190830_083752

20190830_083755

Sosta su anello cementato:

20190830_084031

45 m, III, un chiodo di via, sosta su anello cementato.

L2: Si sale ancora, fino al culmine del canale, raggiungendo così la cresta dell'avancorpo, dove si sosta su spuntone.

30-35 m, III, sosta su spuntone.

L3: Subito oltre la cresta, si traversa verso destra, tenendosi sulla sinistra di una parete gialla:

20190830_084930

Subito dopo di essa, ignorando il sottostante canale, si sale a destra per una decina di metri (passo di III+) per riguadagnare la cresta dell'avancorpo, poi si risale lungo di essa su terreno facile, poi si scende per circa 5 m sulla sinistra, entrando così nel canale tra l'avancorpo e la parete principale.

Sulla parete principale, si trova un chiodo cementato.

20190830_091736_cropped

50-55 m, III, 1p III+, sosta su anello cementato.

L4: Ora si sale per la parete principale, in obliquo verso sinistra:

Lungo la Via Dibona
in obliquo sulla parete principale

Fino a una sosta su chiodi:

Lunghezza intermedia
sosta

45 m, III, passi III+, alcuni chiodi di via, sosta su chiodi.

L5: Si prosegue in obliquo verso sinistra, fino a raggiungere il bordo di una terrazza, e salirvi, per trovare poco dopo la sosta.

45 m, III, passi III+, alcuni chiodi di via, sosta su anello cementato.

L6, L7: Si sale per roccette, più o meno dritti, fino a una prima sosta, poi si prosegue ancora per roccette,

20190830_103759

fino a trovare la sosta successiva, sulla destra di un marcato canale.

40 m + 45 m, II, soste su anelli cementati.

L8: Rimanendo sulla destra del canale, si sale per facili rocce,

20190830_104242

e dopo aver superato il grande masso incastrato che delimita la sommità del canale, si devia a sinistra su terreno facile, proseguendo fino a trovare la sosta, alla base di un canalino:

20190830_105514

50 m, II, I, II, sosta su buon chiodo e/o clessidra sulla destra.

L9: Si risale il canalino, senza particolare difficoltà:

20190830_110505

20 m, III, II, sosta su anello cementato

L10, L11: Si sale ora lungo la parete a destra di un diedro, di stupenda roccia grigia:

Lungo la Via Dibona
salendo per la parete con diedro

Si trova una sosta intermedia, su anello cementato, ma la si può anche superare, proseguendo verso la sommità del dietro, per trovare alla fine un'uscita verso sinistra, per facile canale, e poco dopo la sosta successiva.

50 m, IV-, pp IV, chiodi di via, sosta su anello cementato.

L12: Si obliqua per 10-12 m a sinistra su facile rampa, per poi salire lungo una bellissima placca nera, progredendo in parte in obliquo verso destra, in parte in verticale, seguendo la linea più appigliata (e i chiodi!),

20190830_115321

puntando infine verso il diedro che la delimita a destra.

Con movimento in spaccata si scavalca il diedro sulla destra per trovare poco dopo la sosta, su cengetta (nella foto, la sosta vista dalla lunghezza successiva):

Lungo la Via Dibona
sosta dopo la placca nera

45 m, IV-, 1p IV, chiodi di via, sosta su anello cementato

L13: Si attraversa a destra per alcuni metri, per poi salire dritti per parete ben appigliata,

20190830_121830_cropped

fino a raggiungere una terrazza detritica; allora ci si dirige a sinistra, per una quindicina di metri, lasciandosi a destra un profondo canale, fino alla sosta, presso un masso.

50 m, III+, chiodo di via, clessidra, sosta su buon chiodo, o spuntone

L14: Si risale facilmente il colatoio biancastro soprastante la sosta, per poi salire per facile rampa detritica verso destra, fino a oltrepassare uno spigolo. Allora si sale di nuovo per facili roccette, poi si obliqua a sinistra per cenge, fino a raggiungere, dopo aver lasciato sulla destra quattro colate nere, l'imbocco di un canale-camino, di roccia giallastra, contraddistinto da un ometto, e con chiodo alla base del lato destro:

20190830_131139_cropped

120 m circa, I e II, sosta su chiodo. Di conserva, o dividendo la lunghezza in frazioni a piacere.

L15: Si sale prima sulla lama giallastra che delimita a sinistra il canale-camino, per poi entrarvi:

20190830_130542

Lo si risale, superando un primo piccolo masso incastrato, e poi con un passo leggermente più impegnativo, un secondo masso incastrato più grande, per proseguire,

20190830_132122

fino a trovare, appena prima di uscire dal canale, sulla destra, una grossa clessidra.

50 m, III, 1p III+, clessidra, clessidra formata dal masso incastrato, sosta su clessidra.

In pochi metri, molto facili, si raggiunge la grande cengia detritica.


Rientro

Si sale obliquamente a destra per ghiaie, lungo la grande cengia detritica,

Uscita

cercando di seguire la traccia, non sempre ben visibile, e occasionali ometti:

20190830_134613

20190830_135114

ci si trova a salire gradualmente verso la parete,

20190830_135305

20190830_135603

20190830_135924

20190830_140355

Dopo aver percorso più di 500 m lungo la cengia, si oltrepassa, con decisa svolta a sinistra, lo spigolo del Sass Pordoi, affacciandosi sull'anfiteatro di ghiaie che culmina a Forcella Pordoi, in vista degli evidenti zig-zag del frequentato sentiero 627:

Vista sul sentiero di rientro
con Forcella Pordoi

Quasi subito, si abbandona la traccia di sentiero che costeggia la parete, per prenderne una meno evidente, che scende in diagonale:

20190830_140648

La si segue,

20190830_141114

fino a confluire sul sentiero 627:

20190830_141430

Lo si segue,

20190830_142003

20190830_143129

Sentiero di rientro

fino a Passo Pordoi:

Sentiero di rientro
con vista su Passo Pordoi

gb, 2019-08-30

Copyright © 2010-2015 trekking-etc - Tutti i diritti riservati
Developed by gb-ing, powered by etc-cms

termini d'uso - esclusione di responsabilità - privacy e cookie

10100699