trekking-etc

Italia Provincia di Trento Marmolada Cima dell'Uomo Alta Via Bepi Zac, II parte
Ferrata

ALTA VIA BEPI ZAC, II PARTE

da Passo San Pellegrino

Forcella

La stragrande maggioranza degli escursionisti, dopo aver percorso il tratto dell'Alta Via Bepi Zac che si svolge dal Passo delle Selle fino alla Forcella del Ciadin, abbandona il sentiero e ridiscende a valle.

L'itinerario qui descritto percorre invece la seconda parte parte dell'Alta Via, da Forcella del Ciadin fino alla Forcella dell'Uomo. Si tratta di un percorso più solitario e impegnativo del primo, meno attrezzato, che a maggior ragione richiede adeguata esperienza e passo sicuro. Non presenta passaggi in galleria.

Belli, come nella prima parte, i panorami da entrambi i lati della cresta.

Viene qui proposto come itinerario indipendente, con partenza e arrivo a Passo San Pellegrino, ma può in realtà essere "unito" alla prima parte, dall'escursionista allenato.


Accesso

Si può parcheggiare nell'ampio piazzale che si trova dal lato opposto della SS 346 rispetto alla stazione a valle della Seggiovia Costabella.


Percorso

Dal parcheggio, si aggira l'Hotel San Marco, per trovare la strada bianca che sale inizialmente in direzione nord-est verso Baita Paradiso:

20180811_075609

Dopo meno di mezz'ora si raggiunge un bivio

Bivio sx

dove si volta a sinistra, e poche decine di metri dopo, alla palina, si lascia la strada per il sentiero 637, che sale per prati:

20180811_082800

Il successivo bivio si trova in località Palon de le Valate, 2186 m, a una dozzina di minuti dal precedente. Si tiene la destra, e si prosegue ancora per prati

20180811_083502

20180811_084824

poi per una zona di massi:

20180811_085450

Si arriva così ad un altro bivio, in località Palon del Bianco, 2300 m, dove si prosegue dritti, salendo a larghi zig-zag prima su prato

20180811_090118

poi tra massi

20180811_090928

infine sui ghiaioni alla base della Forcella del Ciadin:

20180811_091537

In un tratto in obliquo verso sinistra, un muretto offre un ostacolo ben facile, grazie ai gradini alla sua sinistra:

20180811_092306

Poi si prosegue su sentiero con tratti scalinati, e qualche cordino:

20180811_092351

Si raggiunge così l'Alta Via Bepi Zac, all'altezza della Forcella del Ciadin, 2864 m, dopo circa 1h 45' dalla partenza:

Bivio dx

Si prende a destra, sulla cengia che costeggia una galleria

20180811_093102

e che poi passa su un ponticello, con cordino:

20180811_093635

Si prosegue salendo in obliquo verso destra

20180811_093747

poi ci si abbassa

20180811_093944

fino a una forcella panoramica:

Panorama
verso Gran Vernel e Marmolada

Sci scende ancora a destra, sotto le pareti

20180811_094210

per poi risalire a una forcellina:

20180811_094315

Segue un singolare passaggio, molto stretto:

20180811_094618

Poi una breve risalita

20180811_094804

porta ad una parete appoggiata, che si risale con l'ausilio di cordino e pioli:

20180811_094909

20180811_095326

Dopo un traverso a destra

20180811_095519

si giunge ad una forcella, più ampia e panoramica della precedente:

Forcella

Sono visibili in primo piano il Col Ombert e il Rifugio Passo San Nicolò, in secondo piano il Colac, e sullo sfondo il Gruppo del Sella.

Il percorso prosegue quindi su facili ghiaie, in obliquo

20180811_095843

per poi aggirare a destra e salire,

20180811_100913

20180811_101156

passando così poco a sinistra di Punta de le Valate.

Si scende e sale poi leggermente, seguendo le tracce di sentiero e i segni bianco-rossi

20180811_101612

Forcella

20180811_102112

20180811_102419

fino a raggiungere il segnavia che indica grossomodo metà del percorso di cresta, 45 minuti dopo la Forcella del Ciadin, e altrettando da Forcella dell'Uomo:

Segnavia

Si procede, passando sulla destra della cresta

20180811_102659

salendo dei gradini

20180811_102933

e lasciandosi alle spalle Torre California, un suggestivo e caratteristico monolite:

Torre California

Seguono un'altra forcellina

20180811_103158

un tratto di sentiero esposto e parzialmente attrezzato

20180811_103219

sotto le pareti della Ponta del Ciadin:

20180811_103407

Ci si alza qualche decina di metri, anche con l'ausilio di cordini:

20180811_103508

e si traversa nuovamente verso destra, in posizione talvolta esposta:

20180811_103628

20180811_103824

20180811_103926

20180811_104111

fino a scorgere, in basso a destra, le particolari formazioni rocciose che emergono nell'ampio canalone sottostante la Forcella dell'Uomo:

20180811_104244

Anche Cima dell'Uomo è ora visibile, compresa la croce di vetta:

Cima dell'Uomo

Ancora un po' di traverso a destra

20180811_104544

20180811_104627

e una risalita

20180811_105041

e si raggiunge la Forcella dell'Uomo, con il caratteristico riparo:

Forcella dell'Uomo

Per una discesa più agevole, si può, anziché scendere direttamente lungo il canalone alla base della forcella, andare a cercare i ghiaioni che si trovano sotto Cima dell'Uomo.

A questo scopo, ci si tiene sulla sinistra, proseguendo di fatto sul sentiero verso il Sasso di Tasca, prima scendendo sulla sinistra del canalone

20180811_105727

fino a un ponticello

20180811_110151

che si oltrepassa:

Ponticello

Dopo aver aggirato a sinistra e sceso un passaggio attrezzato

20180811_110445

si attraversa su ghiaie:

20180811_110738

In corrispondenza di un corpo roccioso, non si scende ma si risale un poco a sinistra, seguendo i segni bianco-rossi, e si attraversa un forcellino

20180811_111047

e subito a sinistra un'altro, più stretto:

20180811_111133

Dopo qualche passo in discesa, si attraversa di nuovo su ghaiaie

20180811_111412

fino a un segno, dove si abbandona il sentiero segnato

Deviazione

per scendere su lungo e morbido ghiaione, prima direttamente verso il basso

20180811_112056

poi in obliquo verso destra, puntando alla forcella a destra dell'Om Picol:

20180811_112602

Un traverso su tratti di pietraia, ghaie e prati

20180811_113429

porta all'ampia e comoda forcella:

Forcella

Si scende lungo la strada di servizio della pista da sci

20180811_114942

fin dove svolterebbe a sinistra verso la stazione intermedia dell'impianto; lì si continua a scendere su traccia di sentiero prativo:

Bivio dx

Si raggiunge così una strada bianca, prendendola verso destra

Bivio dx

e subito dopo ci si ricongiunge alla strada bianca iniziale, che si segue verso valle fino a tornare al punto di partenza:

20180811_122630

gb, 2018-08-11

Copyright © 2010-2015 trekking-etc - Tutti i diritti riservati
Developed by gb-ing, powered by etc-cms

termini d'uso - esclusione di responsabilità - privacy e cookie

7491679