trekking-etc

Alpinismo

PALA DI SAN MARTINO

Via Normale, dal rifugio Pedrotti al Rosetta

FOTO INTRO

La Pala di San martino 2982 mt. rappresenta la piu' importante e suggestiva montagna di tutto il comprensorio delle pale di San Martino. Nota per le grandi pareti verticali su tutti i versanti e per la grande quantita' di vie di roccia (circa una ventina) di difficolta' medio alte, tuttavia nel lato nord est si trova la parte piu' debole che permette la salita, non per questo banale, della via normale, lunga e laboriosa attorno al labirinto e continui saliscendi dei 6 pinacoli che collegano la pala all'altopiano della Fradusta attraverso cima scarpe con passaggi frequenti di II grado e la salita finale di III grado ed un passo di IV grado nella risalita della quinta torre (passaggio chiave) dopo il gendarme.


Ringraziamenti

Un caloroso ringraziamento a Roberta gestore del rifugio Rosetta pedrotti per avermi dato tutte le news per la salita e per il sempre accogliente e prelibato servizio in rifugio

un sincero ringraziamento anche per la recente chiodatura e messa in sicurezza ad opera del progetto collegio guide alpine del trentino e chiodatura delle guide locali di San martino


Avvicinamento

Si parte dal rif. rosetta Pedrotti e si imbocca il sentiero 707-709 in direzione est sull'altopiano della Fradusta per poi dopo 15 minuti abbandonarlo e deviare verso dx in corrispondenza di una dorsale con ometto sulla punta come illustrato in foto

partenza dal rif. rosetta
si imbocca sentiero 707-709 per poi dopo 15 minuti abbandonarlo e deviare verso dx in corrispondenza di una dorsale con ometto sulla punta

il rifugio alle spalle dopo la deviazione a destra

rifugio alle spalle
deviazione verso dx

da qui in poi rimontare la dorsale e mirare di fronte a noi in direzione della parete nord della pala senza percorso obbligato, presenti vari ometti e salire fino alla cresta che ci separa sotto di noi dal ghiacciaio della pala. poi tenere la sinistra fino a cima scarpe

rimontare la dorsale
rimontare la dorsale e salire fino alla cresta in direzione della pala di san martino e poi tenere la sinistra fino a cima scarpe

serie di saliscendi verso Cima Scarpe, con traccia di salita in giallo

verso cima scarpe e traccia
serie di saliscendi verso cima scarpe, traccia di salita vista di fianco


Salita

Da Cima Scarpe si scende verso la forcella che separa l'altopiano dal primo pinnacolo

attacco della via
discesa da cima scarpe verso la forcella che separa al primo pinacolo

Discesa faccia a monte su rocce di 1 e 2 grado verso il primo pinnacolo

discesa 
discesa faccia a monte su rocce di 1 e 2 grado verso il primo pinacolo

Inizio della via al primo pinnacolo: si notano i bolli gialli ed i chiodi cementati in maniera egregia dalle guide pale di san martino

primo pinacolo
inizio via al primo pinacolo si notano i bolli gialli ed i chiodi cementati in maniera egregia dal collegio guide delle pale di san martino

Primi 8 metri in salita della prima torre diff. II grado.

primi metri in salita
primi 8 metri in salita della prima torre su 2 grado.

Attraversamento su cengia comoda verso il 2° pinnacolo; notare bollini gialli

cengia facile
attraversamento su cengia comoda verso il 2 pinacolo notare bollini gialli

Intaglio di passaggio tra il 1° e 2° pinnacolopassaggio dal 1 al 2
7 intaglio di passaggio tra il 1 e 2 pinacolo

Aggiramento dal 2° al 3° pinnacolo con cengia piu' sottile e piccoli appigli

passaggio dalla 2 alla 3 torre
aggiramento dal 2 al 3 con cengia piu' sottilissima e piccoli appigli

Anello di calata sul 3° pinnacolo, di 7 - 8 metri

1 calata sulla 3 torre
anello di calata sul 3 pinacolo di 7 - 8 metri

arrivo calata 3 torrearrivo alla prima calata dalla 3 torre

Traverso delicato dal 3° pinacolo al 4° pinnacolo

traverso delicato
traverso delicato del 3 pinacolo al 4 pinacolo

zoccolo della 4 torre
4 pinacolo supermaneto zoccolo

Verso il gendarme il quale è l'unico da aggirare e superare a sinistra

verso il gendarme
verso il gendarme da superare a sinistra l unico

Per arrivare al gendarme si effettua una seconda calata di 7 metri dal 4° pinacolo, per poi risalire sul lato opposto

seconda calata verso gendarme
per arrivare al gendarme si effettua una seconda calata di 7 metri dal 4 pinacolo

risalita al gendarme
dopo la calata del 4 pinacolo c'e da effettuare la risalita abbastanza semplice al gendarme

Superato il gendarme inizia il punto chiave di tutta la via. la risalita di 40 metri del muro di roccia della 5 torre. i primi 7 metri sono di III+ con il passaggio chiave di IV poi subito si addolcisce sul III tranquillo a zig zag destra poi a sinistra verso la sosta.

E' consigliabile che il primo di cordata recuperi lo zaino in un secondo momento in quanto il peso puo' influire notevolmente su questo passaggio

parete di IV poi III dal gendarme al 5 pinacolo
superato il gendarme inizia il punto chiave di tutta la via. la risalita di 40 metri del muro di roccia della 5 torre subito dopo il gendarme. i primi 7 metri sono di IV poi subito si addolcisce sul III tranquillo a zig zag destra poi a sinistra verso la sosta. tra un fittone e l'altro distanti 10 metri che si notano subito dal gendarme  ho usato l'unico chiodo L7 angolare soprattutto psicologico per spostarmi a destra in arrampicata su punto un po strapiombante.

sosta intermedia 5 torre
sosta intermedia e vista dal basso attacco dal gendarme

Risalito il 5° pinnacolo si notano subito i bolli gialli e l'ometto da aggirare nuovamente a destra

aggiramento 5 pinacolo
risalito il 5 pinacolo si notano subito i bolli gialli e l'ometto da aggirare nuovamente a destra

Particolari dei passaggi in cengia

passaggi sottili
particolari dei passaggi in cengia

Ultimo traverso delicato con discesa di 2 metri su minuscoli appigli forse un po' forzato per seguire la chiodatura per mani e piedi per incrociare il 6° ed ultimo pinnacolo

ultimo traverso delicato 5 pinacolo
ultimo traverso delicato con discesa di 2 metri su minuscoli appigli tipo bulderino  per mani e piedi per incrociare il 6 ed ultimo pinacolo

Aggiramento 6a torre con ultima calata per poi risalire altro muro di 60 metri della nord est della pala verso la cengia ghiaiosa di grado massimo; III molto tranquilla ben protetta per fare un ottima "conserva"

aggiramento della 6 torre
aggiramento 6 torre con ultima calata per poi risalire altro muro di 60 metri della nord est della pala verso la cengia ghiaiosa di grado massimo -III molto tranquilla ben protetta per fare un ottima

calata finale verso la palacalata finale forcella e poi verso la pala finale

Il 6° pinacolo alle nostre spalle

ultimo pinacolo dietro
il 6 pinacolo alle nostre spalle

Risalita alla cengia ghiaiosa poi sentiero verso la cima, attenzione a seguire sempre i bolli gialli ed ai passaggini delicati su roccia un po' ghiaiosa

risalita alla pala
RISALITA alla cengia ghiaiosa poi sentiero verso la cima

cengia ghiaiosa

traccie e sentiero
verso la cima sempre attenzione ai bolli gialli a zig zag alle pietre e piccoli passi in cengia

Uscita in Cima e bivacco di fronte a noi e sotto un bel tramonto

cima
CIMA E BIVACCO

tramonto sulle pale

foto di gruppo
foto di gruppo con traccia e la pala alle spalle


Rientro

Si segue a ritroso la via di salita, approfittando ove lo si ritiene opportuno delle calate in corda doppia dopo la cengia ghiaiosa valutando la solidità dei fittoni presenti.

fc, 2017-07-03

Copyright © 2010-2015 trekking-etc - Tutti i diritti riservati
Developed by gb-ing, powered by etc-cms

termini d'uso - esclusione di responsabilità - privacy e cookie

7491681