trekking-etc

Sentiero attrezzato

CROCE DEL CHEGUL

e Chegul, per il Sentiero Bertotti

20191026_140002_s

Breve ma intressante gita, con grande panorama sulla Val d'Adige e sulla città di Trento.

Tra le varie possibili vie di accesso al Chegul viene qui proposto il sentiero intitolato a Giordano Bertotti, attrezzato con cordini, staffe e scalette, che porta alla Croce del Chegul, una croce ben visibile da valle, situata su un balcone panoramico. E' raccomandabile l'attrezzatura da ferrata.

Il giro merita di essere prolungato con la salita al Chegul, con vista panoramica sulla Valsugana, ma può essere anche abbreviato, con un rientro più diretto.


Accesso

Da Povo, frazione di Trento, ci si porta al Passo del Cimirlo, poi si imbocca la strada per il Rifugio Maranza, fino al parcheggio in località Colmo.


Salita

Dal parcheggio si cammina verso sud lungo la strada:

20191026_130210_s

Si ignora un primo bivio, per il sentiero 427,

Bivio dritti

mentre si prende a sinistra quello successivo, con indicazione per la Ferrata Bertotti, sentiero 418:

Bivio sx

Si sale per traccia ripida nel bosco:

20191026_130704_s

20191026_131054_s

Quando la vegetazione lascia spazio, si notano i primi contrafforti rocciosi del Chegul, alla propria sinistra:

20191026_131503_s

Si prosegue,

20191026_131638_s

e mentre salendo il panorama si fa più ampio,

20191026_131734_s

si sopravanzano altri contrafforti:

20191026_131943_s

Si continua, sempre sul ripido,

20191026_132218_s

percorrendo un tratto leggermente esposto,

20191026_132744_s

e superando poi un paio di tratti di cordino:

Cordino

Poco dopo si arriva al libro di via:

Libro di via

Il sentiero sale ancora ripido:

20191026_133954_s

20191026_134307_s

Si raggiungono le prime staffe:

Staffe

Dopo averle risalite,

20191026_135049_s

si affronta la successiva scala, di una ventina di metri,

Scalette

e poi un'altra, più corta:

20191026_135403_s

Segue un tratto con qualche staffa e del cordino:

20191026_135525_s

e poco dopo si giunge alla Croce del Chegul:

Croce del Chegul

Dalla croce si domina l'intera città di Trento, ma lo sguardo spazia, al di là della Paganella e del Monte Gazza, fino alle Dolomiti di Brenta, di cui è ben distinguibile tutta la parte centrale:

20191026_140022_s

E' ben visibile anche il Palon,

20191026_140006_s

e la Val d'Adige verso sud:

20191026_140010_s

Dalla croce si prosegue per il sentiero, oltrepassando quasi subito un ponticello, che supera un profondo intaglio della roccia:

20191026_141234_s

Il sentiero poi scende per un breve tratto,

20191026_141531_s

per poi tornare a salire, con pendenza varia:

20191026_141711_s

20191026_141856_s

Raggiunto un segnavia, si prosegue su sentiero più ampio,

20191026_142217_s

fino a Località Spiaz de le Patate:

Località Spiaz de le Patate

Proseguendo a sinistra si imboccherebbe direttamente il sentiero di rientro. Prendendo invece a destra, per il sentiero 411, si prosegue verso il Chegul, raggiungendo prima la radura erbosa detta Stoi del Chegul, con le grotte attrezzate a cantina:

Stoi del Chegul

Una scaletta di legno e una breve tratto di sentiero portano in cima,

Chegul

ma anche al punto panoramico, con vista sulla Valsugana:

Punto panoramico
vista su Valsugana con Pergine


Rientro

Si torna allo Spiaz de le Patate, per proseguire ancora lungo il sentiero 411,

20191026_142613_s

che presto inizia a scendere, con frequenti tornanti,

20191026_142924_s

20191026_143839_s

offrendo ancora qualche vista panoramica:

20191026_144117_s

Si raggiunge località Prà de Stelar,

Località Prà de Stelar

e si prosegue ai successivi bivi seguendo sempre l'indicazione per Borino, sentiero 411.

Si raggiunge infine la Strada per Maranza, dove si svolta a sinistra:

Bivio sx

La si segue per poche centinaia di metri,

20191026_125239_s

20191026_125524_s

fino al punto di partenza.

gb, 2019-10-26

Copyright © 2010-2015 trekking-etc - Tutti i diritti riservati
Developed by gb-ing, powered by etc-cms

termini d'uso - esclusione di responsabilità - privacy e cookie

10128480