trekking-etc

Descrizione
Ferrata

MONTE CASALE

per Ferrata Che Guevara

Ferrata

Si tratta di una ferrata di notevole sviluppo e dislivello, sebbene tecnicamente non difficile.

Ma la fatica è ampiamente ricompensata dalla spettacolarità dei panorami che il percorso offre, sia dal lato della Valle del Sarca e verso il Lago di Garda, sia in direzione dell'Adamello-Brenta.


Accesso

Percorrendo la SS45bis, appena a nord di Pietramurata, deviare su una stradina che porta ad un parcheggio presso una grande cava:


Avvicinamento

Prendere il sentierino a sud, svoltando presto a destra, costeggiando il perimetro della cava, fino ad imboccare un sentierino evidente che inizia a salire, nel bosco. Ci si eleva così fino a raggiungere l'attacco.


Ferrata

La ferrata è ben attrezzata, con cordini e staffe:

Si sale sempre più, su un tracciato sempre evidente e sempre più avvincente, e il panorama si fa sempre più ampio e scenografico:

Belli i lunghi tratti attrezzati a staffe:

Un bel traverso concede una breve tregua alla lunga salita:

Nel proseguo, i tratti attrezzati si fanno più radi, alternandosi a sentiero. Si giunge al libro di via:

Dopodiché rimangono ormai pochi tratti attrezzati facili. Salendo, si arriva in vista della croce:

Che si trova su un punto panoramico, a poca distanza dalla cima vera e propria.

Dalla sommità, è davvero notevole il panorama che si può ammirare a 360°, tra cui una vista sul Gruppo di Brenta:


Rientro

Si prende il sentiero che scende verso il Rifugio Don Zio, fino a raggiungerlo:

Rifugio Don Zio

Poi si prende il sentiero di rientro, seguendo le indicazioni per Sarche. Il sentiero scende con un lungo sviluppo lungo il versante nord del monte.

Dopo aver disceso quasi tutto il dislivello, si incontra la SS237, dove si punta al tornante e si ritrova il sentiero, si scende ancora, e dopo non molto si raggiunge infine il limitare dell'abitato di Sarche.

Da lì si prende la carrareccia verso il Ponte del Gobbo:

Al ponte, si prosegue lungo la strada, fino a ritrovare il bivio e poi il parcheggio.


Rientro breve

Questo rientro, alternativo, al tracciato classico che scende verso la SS 237, permette in circa 2 ore / 2 ore e mezza di rientrare al parcheggio discendendo la via attrezzata del Rampin.

Il percorso, dopo pioggie recenti, può risultare estremamente scivoloso.

Dal rifugio Don Zio scendere in direzione di Comano.

DSC_0127

Dopo una ventina di minuti, in località Le Quadre, prendere il sentiero n.408 che si stacca sulla sinistra. Dopo altri dieci minuti, prendere al bivio il sentiero n.426 (ferrata del Rampin) che si stacca sulla sinistra.

DSC_0134

Il percorso attrezzato, mai difficile, scende ripido nel bosco fino a quota m.1.200, dove prosegue lungo un sentiero fino a raggiungere, a quota m.820, la strada forestale di Massampiano. Percorrere inizialmente la strada verso sinistra per pochi metri per poi tagliarla più volte scendendo in direzione di Pietramurata (sempre sul sentiero n.426).

Le paline segnaletiche, presenti quasi ad ogni incrocio, rendono semplice l'orientamento. Si prosegue in questa direzione fino a quota n.952 dove si devia verso sinistra seguendo le indicazioni "rientro ferrata Che Guevara". In una ventina di minuti il sentiero, ora pianeggiante, riporta al punto di partenza.

gb, 2012-10-20

Da leggere

trekking-etc

Proposte alpinistiche ed escursionistiche sulle montagne del trentino

di Giorgio Barchiesi, Roberto Dottori

Editore edizioni31

trekking-etc
di Giorgio Barchiesi, Roberto Dottori
Editore edizioni31

Copyright © 2010-2015 trekking-etc - Tutti i diritti riservati
Developed by gb-ing, powered by etc-cms

termini d'uso - esclusione di responsabilità - privacy e cookie

7488756