trekking-etc

Descrizione
Invernale

MONTE VERENA

salita al forte che sanzionò l'entrata in guerra dell'Italia

DSC_0066b

Facile salita al Monte Verena, cima isolata e panoramica dell'Altopiano dei Sette Comuni.

Proprio per questa caratteristica, fra il 1910 e il 1914 fu costruito sulla cima, a difesa dei confini italiani, l'omonimo forte. Da questo forte il 24 maggio del 1915 fu sparato il primo colpo italiano della Prima Guerra Mondiale. Il forte rimase completamente operativo fino al 12 giugno del 1915, quando fu colpito da una granata che lo devastò in parte, uccidendo 49 artiglieri.

Il 22 maggio del 1916 il forte fu occupato nel corso della Strafexpedition dalle truppe austro-ungariche che lo tennero fino alla fine del conflitto.

L'ìtinerario qui descritto si tiene discosto dagli impianti di risalita che raggiungono la cima e che, sul versante opposto a quello da noi percorso, ne diminuiscono il fascino che comunque cime e forte ancora mantengono.

NOTA: Purtoppo il giorno di registrazione della gita non rende merito, causa nuvolosità, al panorama che Monte Verena offre. Chi, seguendo questo itinerario, si trovasse in condizioni migliori di visibilità e volesse inviarci il suo contributo fotografico, è ben accetto ed il suo nominativo verrà riportato nel sito.


Accesso

Da Roana prendere in direzione di Mezzaselva; superato tale abitato, proseguire verso gli impianti di Monte Verena. Si supera, tralasciandolo, il bivio per il centro elioterapico, e si prosegue per circa quattro chilometri fino alla Casara di Campovecchio (m.1.600) che si trova un po' discosta sulla sinistra.

DSC_0052

Qui, ai margini della strada, é possibile parcheggiare la macchina.


Percorso

Dal parcheggio, sul lato opposto della malga,

DSC_0053

prendere il sentiero n.820 che, seguendo la vecchia strada militare, inizia a salire dolcemente nel bosco.

DSC_0054

Giunti a quota m.1.739 (palina segnaletica),

DSC_0056

abbandonare il sentiero n.820 e proseguire dritti lungo la carrareccia. Si superano in breve i ruderi di alcune casermette

DSC_0060

e poi salire i tornanti che ci portano (poco meno di due ora dalla partenza) al forte Verena che é situato proprio sulla cima (m.2015).

DSC_0073

Il forte merita un'accurata visita e lettura delle numerose tabella descrittive che sono presenti.

DSC_0076

Dalla postazione di vetta si gode un ampio panorama verso l'altopiano, la Val d'Assa e il Portule.

DSC_0075

Poco discosto dal forte, sul versante sud, é situato il rifugio Verena, aperto in estate e durante la stagione sciistica.


Ritorno

Si riprende inizialmente il percorso di andata, ma dopo i primi tornanti, si lascia la carrareccia,

DSC_0080

proseguendo lungo il sentiero 820 in direzione di Malga dei Quarti. Poco dopo, una breve digressione ci porta sul punto dove era situata la batteria Rossapoan.

DSC_0081

Si riprende il sentiero n.820 che si riduce ad una semplice, ma ben evidente, traccia che scende ripida nel bosco.

DSC_0085

Giunti nel vallone sottostante, si raggiunge, con un tracciato quasi pianeggiante, Malga dei Quarti (m.1654).

DSC_0090

Dalla malga si prosegue ora lungo la carrareccia in direzione della Casara di Campovecchio. Superata poco dopo Malga Verena (m.1695),

DSC_0096

si prosegue salendo circa un centinaio di metri

DSC_0097

per poi reimmettersi sul tratto iniziale del tracciato percorso in andata che ci riconduce (circa due ora dalla cima) al punto di partenza.

rd, 2016-01-09

Copyright © 2010-2015 trekking-etc - Tutti i diritti riservati
Developed by gb-ing, powered by etc-cms

termini d'uso - esclusione di responsabilità - privacy e cookie

7488746