trekking-etc

Trekking Grande Giro del Garda (Rock) Terza Tappa, seconda parte
Sentiero attrezzato

TERZA TAPPA, SECONDA PARTE

da Tignale a Gargnano

20200228_142339_s

Questa frazione del Grande Giro del Garda (Rock), poco dopo essere partita da Tignale, passa per le incantevoli Cascate della Valle di Bornico, poi va innalzandosi fino a Cima Comer, circa 1200 m al di sopra del lago, offrendo viste veramente spettacolari su tutta la sua parte meridionale e sulla sponda opposta.

Il vicino osservatorio, un balcone di legno costruito proprio sul ciglio della parte più scoscesa del monte, permette di osservare quasi verticalmente la costa sottostante e i paesini che vi si trovano.

Nello scendere verso Gargnano, il percorso passa per l'Eremo di San Valentino, altro luogo dalle forti suggestioni. Questa discesa viene proposta in due varianti, una più diretta e una più facile.


Percorso

Dal centro di Tignale, frazione Gardola, ci si dirige a nord-ovest per Via Badiale, poi si svolta a sinistra in Via Panoramica, la strada dritta in foto:

Bivio sx

Si prosegue sul marciapiede a lato della strada:

20200228_101114_s

Belle le visuali su Monte Baldo, mentre ci si allontana da Gardola:

20200228_101430_s

Si oltrepassa un ponte,

20200228_101805_s

e poco dopo si raggiunge un'altra frazione di Tignale, Aer, dove svolta a sinistra,

Bivio sx

scendendo in paese,

20200228_102231_s

e poi a destra, seguendo l'indicazione per le cascate, sentiero 265:

Aer
bivio dx

Si va dritti, fino a passare sotto un portico con la volta ad arco,

20200228_102705_s

e si scende per un sentierino ripido e stretto tra gli orti, che poi lascia il posto a una strada di campagna:

20200228_103100_s

Si entra nel bosco, e si trova un bivio, che si prende a sinistra, con indicazione per le cascate:

Bivio sx

Si procede per sentiero, in discesa,

20200228_103633_s

con qualche breve tratto scalinato, fino a raggiungere una delle cascate:

Cascate

Un'altra cascata, altrettanto bella, è visibile a valle dello specchio d'acqua formato dalla prima:

20200228_104729_s_1

Attenzione a sporgersi; sulla roccia sono infissi dei chiodi cementati. Altre piccole cascate si trovano anche più a monte, ma richiederebbero una specifica digressione.

Si prosegue lungo il sentiero, che sale a destra della cascata, poi svolta di nuovo verso il torrente, attraversandolo,

20200228_105427_s

e poi prosegue in salita, su scalini,

20200228_105625_s

fino a un bivio. Si prende a sinistra verso Piovere.

Si procede in falsopiano per circa 500 m,

20200228_110923_s

incontrando poi un bivio, dove si prende a destra, in salita, con indicazione per Vione:

Bivio dx

Si sale su pendenza moderata per 350 m circa,

20200228_111614_s

e in prossimità di una casa, a un bivio si svolta tutto a destra,

Bivio dx, poi sx

e subito dopo a sinistra, prendendo il sentiero 244 con indicazione per Cima Rocchetta:

20200228_112038_s

Poco dopo si ignora un bivio, proseguendo dritti, e si sale su discreta pendenza, per il bel sentiero nel bosco di latifoglie:

20200228_112903_s

In qualche punto si riesce a scorgere bene il panorama circostante; bella la vista quasi verticale sulla frazione Piovere:

20200228_113532_s

Si prosegue in salita per circa 1,5 km dal precedente bivio,

20200228_115007_s

seguendo il sentiero, con segni bianco-rossi,

20200228_115604_s

trovando alcuni ottimi punti panoramici,

20200228_120517_s

20200228_121040_s

fino a raggiungere un bivio, non ben segnato, dove si procede dritti (a destra si salirebbe al Monte Rocchetta, 912 m):

Bivio dritti

Il sentiero ora scende leggermente, per circa 300 m,

20200228_122108_s

poi si trova un bivio, dove si svolta tutto a destra,

Bivio tutto dx

salendo per una stradina cementata,

20200228_122757_s

per quasi un km e mezzo, tirando dritti a un bivio, per Località Coste, ignorando la stradina che sale a destra,

Bivio dritti

e salendo su tratti cementati

20200228_124540_s

e non:

20200228_124718_s

Ad un bivio si continua a sinistra per la stradina,

Bivio sx

ma dopo un centinaio di metri si devia a destra, per traccia di sentiero (rudimentali segni per Cima Comer all'epoca di questa relazione):

Deviazione dx

Si prosegue per traccia di sentiero,

20200228_131718_s

svoltando decisamente a sinistra dopo 250 m circa (traccia di sentiero appena visibile),

Svolta sx

e si prosegue in costa, in salita, per meno di 300 m,

20200228_133522_s

fino a raggiungere località Coste del Merlo, dove si trova una casetta:

Località Coste del Merlo

Subito dopo, si evita di prendere il sentiero che si diparte dritto davanti,

Bivio dx

per svoltare invece a destra, salendo per il limitare sinistro del prato:

20200228_134452_s

Si prosegue per tracce di sentiero spesso appena visibili, a volte ambigue,

20200228_134911_s

20200228_135210_s

fino a raggiungere Cima Comer, 1281 m (grande ometto con croce):

Cima Comer

Poco più a sud si trova una seconda croce (panorama fantastico),

20200228_140539_s

e ancora poco più in là, scendendo, si trova l'osservatorio:

Osservatorio

Dal balcone, che si trova proprio sopra il lato più scosceso di Cima Comer, si può godere di una vista vertiginosa sui paesini della costa, 1200 m più in basso, e un panorama veramente ampio e aereo su tutta la parte orientale del lago,

20200228_142321_s

e sulla parte meridionale. Da sinistra a destra, si distinguono Punta San Vigilio, Sirmione, la Rocca di Manerba, l'Isola di Garda, Toscolano Maderno, il Monte Castello di Gaino, il Monte Pizzoccolo:

20200228_142344_s

Si prende ora il sentiero 31, all'inizio una labile traccia,

20200228_144044_s

che scende abbastanza ripida, con segni bianco-rossi:

20200228_144951_s

Il sentiero scende stando abbastanza vicino al bordo del lato scosceso del monte, per cui spesso si trovano punti panoramici:

Punto panoramico

Scesi a quota 900 m circa, a un bivio ci si tiene a sinistra, seguendo i segni:

Bivio sx

A quota 810 m circa, a un bivio, ci si tiene a sinistra, per imboccare la discesa diretta,

Bivio sx
o dx per variante facile

oppure si prende il ramo di destra, se si vuole percorrere la variante facile, un'alternativa preferibile in caso di pioggia o terreno bagnato.

Per la via diretta, si scende dapprima dolcemente,

Sentiero

poi su pendenza più decisa:

Sentiero

Verso quota 780 m, si trova un bivio, privo di indicazioni, dove si svolta tutto a sinistra in decisa discesa, con alcuni gradini iniziali in legno:

Bivio sx

Si scende così per un sentierino molto ripido, in qualche punto scosceso, attrezzato con tratti di cordino, difficile da percorrere in caso di pioggia o terreno bagnato; con terreno asciutto, invece, un camminatore esperto non troverà particolari difficoltà:

Sentiero attrezzato

Sentiero attrezzato

20200228_152451_s

Si perdono così rapidamente circa 80 m di quota, dopodiché a destra si presenta l'Eremo di San Valentino, incastonato sotto uno strapiombo roccioso:

Eremo di San Valentino

Ancora notevole il panorama, nonostante la quota relativamente modesta, attorno ai 700 m; si può notare uno sperone di roccia, che sarà raggiungibile nel resto della discesa:

Panorama
dall'Eremo di San valentino

Si riprende il sentiero attrezzato, che si diparte sulla sinistra dell'eremo (faccia a valle), tra gli alberi, non particolarmente visibile, e non segnalato:

Sentierino

Il sentiero scende, ma poi per un discreto tratto si snoda prevalentemente traversando a sinistra, con qualche breve tratto abbastanza esposto:

Sentierino

Sentierino

Dopo una decina di minuti si passa accanto alla base superiore dello sperone di roccia, sul quale si può salire, per una buona vista panoramica,

Panorama
da sperone di roccia lungo il sentierino

ma anche per guardare all'insù verso l'eremo:

Eremo di San Valentino
visto dallo sperone di roccia

Si continua a scendere,

Sentierino

e da un successivo punto panoramico si può chiaramente individuare il traliccio verso il quale il sentiero è diretto:

Sentierino
con vista su traliccio

Si scende ancora nel bosco, con tratti ripidi e attrezzati,

Sentierino

poi più dolcemente:

Sentierino

Si giunge così al traliccio:

Bivio dx
presso traliccio linea elettrica

Qui il sentiero attrezzato termina, confluendo su un sentiero più marcato, che traversa il pendio quasi orizzontalmente, in direzione est-ovest. Lo si prende verso destra:

Sentiero

Si raggiunge presto un bivio, dove conviene prendere a destra, ma va bene anche a sinistra, poiché i due rami del sentiero si ricongiungono più avanti:

bivio dx
o eventualmente sx

Il sentiero comprende anche una breve risalita, per non più di 30 m di dislivello, per il resto procede in piano:

Sentiero

Laddove si apre una radura coltivata, ed è presente un idrante, si svolta decisamente a sinistra, in discesa:

bivio sx
presso idrante

Si segue il sentierino,

Sentiero

che si addentra nel bosco, lungo la valle del Torrente San Martino (guado):

Sentiero
in Valle di San Martino

La discesa alterna tratti più o meno ripidi,

Sentiero
in Valle di San Martino

Sentiero
in Valle di San Martino

finché, quasi senza preavviso, dopo aver costeggiato il muro di una casa, confluisce su una strada cementata, Via Prea, che si prende a sinistra, in discesa:

confluenza sx
con Via Prea

Si scende, perdendo progressivamente quota:

20200228_164426_s

20200228_165013_s_1

Si raggiunge così Gargnano, nei pressi della Chiesa di San Martino:

Chiesa di San Martino
e attraversamento

Si attraversa la SS 45 bis, e si percorrono le stradine del borgo,

20200228_165901_s

20200228_165930_s

fino al centro del paese.


Variante facile

Al bivio a circa 810 m di quota, anziché svoltare a sinistra, si prende leggermente a destra, seguendo il ramo principale del sentiero,

Sentiero

che dopo una decina di minuti presenta un cordino che dà assistenza in un breve passo di discesa più ripida,

Cordino
svolta a destra poi sinistra

seguito da una breve "S" del sentiero, destra-sinistra, dopodiché si prosegue comodamente:

Sentiero

Poco più avanti si raggiunge un bivio dove a sinistra si dirama il sentiero che porta all'Eremo di San Valentino:

Bivio dritti

Il sentiero, dopo un breve tratto quasi in piano, svolta a destra e scende abbastanza ripido,

Sentiero per l'eremo

con un breve tratto di discesa su gradini in pietra e cordino:

Sentiero per l'eremo

Poi si risale leggermente,

Sentiero per l'eremo

fino a un portale,

Sentiero per l'eremo

dopo il quale una serie di gradini in pietra porta all'ultimo brevissimo tratto di sentiero che dà accesso all'eremo:

Eremo di San Valentino

Suggestiva la chiesetta all'interno:

Chiesa dell'eremo

Si torna poi sui propri passi, fino a riguadagnare il sentiero principale, seguendolo verso ovest e poi sud-ovest:

20200228_155014_s

20200228_155658_s

Si raggiunge così Sasso, un piccolo abitato che si attraversa inizialmente dritti,

Sasso
incrocio, dritti

per poi svoltare a sinistra,

Bivio sx, poi dx

e subito dopo a destra, per la stradina che costeggia il campo da calcio e la chiesa:

20200228_161102_s

La stradina scende, con vista lago,

20200228_161230_s

verso l'abitato di Musaga:

20200228_161335_s

Si entra in paese, in centro si svolta a sinistra, e si prosegue in discesa,

20200228_161931_s

per poi svoltare a destra alle ultime case, prendendo una stradina di campagna verso ovest,

20200228_162330_s

dove si prosegue in piano per circa 300 m, dopodiché si trova un bivio, vicino a un capitello, dove si svolta a sinistra in discesa:

Capitello e bivio sx

La stradina, pavimentata in ciotolato,

20200228_162658_s

poi cementata, scende verso località Molini,

20200228_163215_s

poi incontra la SP 9, che si prende a sinistra, per lasciarla dopo pochissimo, deviando per la stradina a destra:

Deviazione dx

Poco più avanti si attraversa di nuovo la strada,

Attraversamento

per imboccare Via Prea, lungo la quale si scende ancora, andando poi a proseguire come per la via diretta.

gb, 2020-02-28

Copyright © 2010-2015 trekking-etc - Tutti i diritti riservati
Developed by gb-ing, powered by etc-cms

termini d'uso - esclusione di responsabilità - privacy e cookie

12458568