trekking-etc

Trekking Grande Giro del Garda (Rock) Quarta tappa, seconda parte
Alpinismo

QUARTA TAPPA, SECONDA PARTE

da Gaino al Rifugio Pirlo

Monte Pizzocolo
faro eolico solare

Gran bella tappa del Grande Giro del Garda (Rock), che porta a raggiungere la vetta del Monte Pizzocolo, posizione panoramica privilegiata per godere di una vista aerea su tutto il Lago di Garda meridionale e orientale, e sulla costa prospiciente a Toscolano Maderno.

Vengono proposte due varianti, una escursionistica e una alpinistica; la seconda si snoda lungo il Sentiero Alpinistico dei Tre Amici, un itinerario selvaggio, che richiede capacità di orientamento, dimestichezza con facili passaggi su roccia, capacità di muoversi su terreno scosceso, e assenza di vertigini.


Percorso

Dall'agriturismo, si sale per qualche decina di metri verso nord-ovest, e si svolta a sinistra, in discesa, per stradina asfaltata:

Bivio sx

20200626_090519

Dopo circa 200 m, si asseconda una svolta a destra,

Bivio dx

e dopo altri 50 m o poco più, all'incrocio, si svolta a destra, seguendo le indicazioni per l'Agriturismo San Lorenzo e il Rifugio Pirlo:

Bivio dx

Si procede in falsopiano, su bella strada bianca:

20200626_091149_s

In cammino
lungo la Valle delle Camerate

Dopo più di 2 km, si ignora il ponte che si dirama a sinistra, e si prosegue dritti:

Bivio dritti

e dopo qualche minuto, al successivo bivio per Segrane e Navazzo, si ignora la strada che sale a destra, proseguendo ancora dritti:

Bivio dritti

Dopo qualche minuto ancora, dopo una curva a sinistra, si attraversa il ponte:

Ponte

Ora la strada inizia a salire, snodandosi con qualche tornante, e presentando tratti sterrati e tratti cementati:

20200626_092602_s

Dopo aver percorso più di 1,5 km dal ponte, si raggiunge l'Agriturismo San Lorenzo di Persegno, possibile punto tappa alternativo rispetto a Gaino:

Agriturismo San Lorenzo
di Persegno

Dopo 500 m, si trova un bivio,

Bivio dritti
o sx per variante dei Tre Amici

dove si prosegue dritti per la variante facile, mentre si svolta a sinistra per la Variante dei Tre Amici (sentiero alpinistico).

Nel primo caso si continua in salita, mai troppo ripida, lungo il sentiero principale,

20200626_093626_s

ignorando bivi e deviazioni,

Bivio dritti

attraversando bellissimi boschi di faggio,

20200626_094237_s

fino a raggiungere Palazzo Archesane:

Palazzo Archesane

Si continua a salire per il sentiero principale, ignorando bivi e deviazioni,

Bivio dritti

In cammino
lungo il sentiero per il Passo dello Spino

e assecondando gli occasionali tornanti:

20200626_104655_s

Si raggiunge così Passo dello Spino, la sella tra il Monte Pizzocolo e il Monte Spino:

Passo dello spino

Qui si svolta tutto a sinistra, prendendo il sentiero 5, con indicazione per il Monte Pizzocolo:

20200626_122624_s

Si sale su comodo sentiero, con qualche tornante, mai troppo ripido,

20200626_123612_s

in un bosco di maggiociondoli:

20200626_124219_s

A quota 1350 circa, dove il sentiero 23 confluisce da destra, si prosegue dritti, 

 Bivio dritti
al ritorno tenersi a dx

20200626_124555_s

20200626_125101_s

fino a uscire gradualmente dal bosco,

20200626_125455_s

e a scorgere la sommità arrotondata del Monte Pizzocolo:

20200626_125858_s

Ancora un po' di salita, tirando dritti al bivio per Malga Valle,

Bivio dritti

salendo ora su terreno leggermente più accidentato ma mai difficile,

20200626_130808_s

iniziando a scorgere il Bivacco Due Aceri,

20200626_131511_s

e raggiungendolo,

Bivacco Due Aceri

per poi superarlo e arrivare presto in vetta:

Monte Pizzocolo

Poco distante dalla vetta, seguendo la cresta del monte verso sud-sud-est, si può raggiungere il faro eolico solare:

Faro Eolico Solare

Si tratta di un anemometro combinato con una serie di specchi variamente orientati. Nella sua rotazione, provocata dal vento, invia riflessi di luce che nelle giornate terse posso essere visti anche da molto lontano.

In assenza di nuvole, il panorama dalla vetta e dal faro è davvero spettacolare (foto di apertura).

Si torna ora sui propri passi, seguendo a ritroso il sentiero 5, vero il Passo dello Spino:

20200626_134506_s

20200626_135825_s

Dal Passo dello Spino, si prosegue verso nord-ovest, lungo il sentiero principale,

20200626_105438_s

ignorando bivi e deviazioni,

Bivio sx

20200626_110534_s

fino a scorgere il Rifugio Pirlo,

Rifugio Giorgio Pirlo
al Monte Spino

e a raggiungerlo:

Rifugio Pirlo

Questa seconda frazione della quarta tappa si conclude con un pernottamento qui.


Variante dei Tre Amici

Si faccia riferimento alla traccia in rosso sulla mappa. Dopo aver svoltato a sinistra 500 m dopo l'Agriturismo San Lorenzo di Persegno, si procede in leggera salita per comoda stradina,

20180325_101238

oltrepassando un segnavia:

20180325_101724

Al successivo bivio, si prosegue, oltrepassando una sbarra:

20180325_101914

Al bivio successivo si segue l'indicazione verso destra

Bivio dx

e poco dopo di nuovo:

Bivio dx

Si risale lungo un canale

20180325_102634

e ad una successiva biforcazione, ci si tiene a sinistra:

Bivio sx

Dopo una decina di minuti, in rapida successione, si prende a destra

Bivio dx
poi a sx

e a sinistra, con indicazione:

20180325_104846

Un'altra decina di minuti e si raggiunge un punto panoramico, con vista sul Monte Castello di Gaino e sul Lago di Garda:

Punto panoramico

Dopo aver piegato a destra (sud ovest), si sale ancora, e in corrispondenza di un piccolo corpo roccioso lo si supera, direttamente, o aggirandolo sulla sinistra:

20180325_110955

Si sale per boscaglie, su terreno a tratti scosceso,

20180325_111424

finché una quarantina di minuti dopo il punto panoramico il sentiero svolta decisamente a sinistra, traversando in costa

Traverso a sinistra

fino a raggiungere, dopo una decina di minuti, una cresta:

20180325_114618

Si prosegue lungo la cresta, o in qualche tratto poco a sinistra:

20180325_114854

20180325_115025

20180325_115842

20180325_120034

Si arriva così a un punto, circa a quota 1200, dove per evitare un risalto si utilizza una cengia attrezzata che traversa a sinistra, con sottile cordino:

20180325_125953

Alla fine, si ripiega a destra verso la cresta, e la si segue:

20180325_131209

20180429_113157

Questo tratto di cresta, visto dall'alto, si presenta così:

Cresta

Si evitano gli ultimi due denti di roccia prendendo una cengia erbosa che scende a destra, parzialmente attrezzata con vecchi spezzoni di corda:

20180429_113604

Si raggiunge così un canalino e lo si risale verso la forcella formata dalla cresta con il corpo principale:

20180429_113722

Dalla forcella, inizialmente a sinistra, si seguono le tracce e gli occasionali bolli e segni, con molta attenzione, poiché il percorso è abbastanza articolato, con brevi traversi alternati a decise e ripide risalite:

20180429_114550

Traverso
con vista sul Lago di Garda

20180429_114939

Ci si ritrova in cresta,

In cresta
con vista sul Monte Castello di Gaino

ma si devia di nuovo a destra

20180429_115703

entrando in un ampio canale, dove ci si riporta quasi subito a sinistra, a ridosso di un corpo roccioso, per trovare nuovamente un cordino:

20180429_120218

Poi di nuovo cresta

20180429_120444

e in breve si giunge al faro eolico solare:

Faro eolico solare

Da lì alla vetta è una breve passeggiata, poi si prosegue come per la variante facile.

gb, 2020-06-26

Copyright © 2010-2015 trekking-etc - Tutti i diritti riservati
Developed by gb-ing, powered by etc-cms

termini d'uso - esclusione di responsabilità - privacy e cookie

12515782