trekking-etc

Ferrata

PALAZZA ALTA

per Ferrata Fiamme Gialle, da Bastiani

Ferrata Fiamme Gialle

La Ferrata Fiamme Gialle alla Palazza Alta, da non confondere con l'omonima ferrata alla Croda Granda, è un itinerario molto interessante e meritevole. Nonostante non si trovi particolarmente in alta quota, offre visuali di tutto rispetto.

I tratti più impegnativi, che ne fanno una ferrata difficile, sono quello iniziale e quello finale, che possono però essere evitati, percorrendo delle varianti. Nel complesso si tratta di un itinerario lungo, con un dislivello di tutto rispetto, e comunque impegnativo. Il punto di arrivo non coincide con quello di partenza.

Nota dell'autore: Ringrazio l'amico Daniele e mia figlia Beatrice che hanno condiviso con me questo itinerario e che compaiono in varie fotografie.


Accesso

Dall'abitato di Cencenighe Agordino, si sale alla frazione Bastiani, dove si può parcheggiare in uno dei pochi posti a disposizione.


Avvicinamento

Da Bastiani, si prende il sentiero 562, in direzione sud-est, che inizia subito a salire nel bosco. Il sentiero è inizialmente largo:

Occorre fare attenzione a un paio di biforcazioni del sentiero: una, prima di località Ial dei Canèt, dove si prende a sinistra, l'altra, dopo località Ial de le Pile, dove si prende a destra, in entrambi i casi seguendo l'indicazione per la ferrata.

I sentiero ormai sale stretto e ripido:

Poi il sentiero inizia a traversare a destra, con qualche passaggio su roccette con cordino e poi sotto dei tetti di roccia:

Infine si raggiunge il bivio che permette eventualmente di evitare a parte iniziale, con indicazione a sinistra per variante facile, e poco dopo si raggiunge l'attacco della ferrata, dopo aver superato 500 m di dislivello dal punto di partenza. L'attacco è chiaramente segnato:


Ferrata

La ferrata inizia in modo impegnativo già dal primo passaggio, e prosegue su roccia quasi verticale elevandosi così rapidamente per circa 100 m.

Poi prosegue con un alternarsi di tratti su roccia, spesso impegnativi, e tratti di sentiero tra pini mughi:

Si raggiunge in questo modo una cengia alla base della parete sommitale della Palazza Alta. Qui si può deviare a destra, percorrendo un sentiero che permette di evitare la parte finale della ferrata.

Oppure si può affrontare il tratto finale, impegnativo ed esposto:

Dopodiché si arriva in vetta, dopo aver salito quasi 800 m di dislivello dall'attacco.

E' impressionante la visuale verticale su Cencenighe e il suo laghetto, ma sono notevoli anche i panorami sul Gruppo della Marmolada, le Pale di San Lucano, la Civetta-Moiazza, e la Valle del Biois:


Rientro

Si prende la traccia di sentiero che scende in direzione nord-est, per poi piegare a sud-est e poi ancora a nord-est, dirigendosi verso i pascoli alla base di Torre Trieste:

Dopo aver aggirato alcune case private (Villino Venezia), si trova il sentiero 560, che porta al Rifugio Vazzoler. Da qui con il sentiero 555 si raggiunge il Rifugio Capanna Trieste.

gb, 2012-08-10

Copyright © 2010-2021 trekking-etc - Tutti i diritti riservati
Developed by gb-ing, powered by etc-cms

termini d'uso - esclusione di responsabilità - privacy e cookie

14784706