trekking-etc

Descrizione
Alpinismo

SASS D'ORTIGA

per Via Normale, da Rifugio Treviso

Sass d'Ortiga

La Via Normale al Sass d'Ortiga si potrebbe definire al confine tra escursionismo e arrampicata.

Questa cima, infatti, che presenta uno spigolo e delle pareti verticali, dove si articolano vie alpinistiche di tutto rispetto, sul lato sud-est permette una salita relativamente facile, che solo in qualche passo supera il II grado, e di poco. Lo spettacolo che la cima offre ricompensa abbondantemente il migliaio di metri di dislivello necessari a raggiungerla (più di 1300 se si parte dal parcheggio anziché dal rifugio).

Nota dell'autore: Ringrazio l'amico Armando che ha condiviso con me questa salita e che compare in varie fotografie. Alcune fotografie sono state scattate da lui e gentilmente concesse.


Salita

Dal Rifugio Treviso si prende il sentiero 720, che sale ripido nel vallone verso est. Si passa a fianco del Dente del Rifugio e lo si supera. E' caratteristica la sentinella che lo sovrasta:

Si continua a salire, superando anche la Punta della Disperazione, sul lato opposto del vallone:

Il sentiero sale meno ripido per un tratto, poi di nuovo più ripido, e prima di raggiungere la Forcella delle Mughe presenta roccette di I grado con qualche passo di II:

Dalla forcella, situata tra il Sass d'Ortiga e la Pala della Madonna, si può ammirare il panorama su entrambi i lati dello spartiacque.

Si sale per prato verso nord, evitando di prendere la traccia che si dirama a sinistra, verso le vie dello spigolo. Per tracce su prato e roccette si raggiunge in breve l'attacco, riconoscibile da una fessura e da una freccia rossa dipinta sulla roccia:

Lo si supera direttamente (possibilità di staffare con fettuccia su chiodo cementato) o salendo un paio di metri a sinistra e traversando. Poi si sale qualche metro:

e si risale la cengia inclinata a sinistra:

Si continua a salire, seguendo ometti e segni rossi, su tratti di sentiero e tratti di roccette, tra cui un breve camino:

Dopo 150 m di salita circa, si prosegue ormai solo per sentiero, fino all'antecima:

Per raggiungere la cima, di altezza poco differente, e distante qualche decina di metri, occorre prima scendere su roccette:

poi traversare un breve tratto di cresta. La vetta è contrassegnata da un discreto ometto:

Il panorama si presenta molto ampio e spettacolare, sulla Val Canali e Fiera di Primiero, sul Sass Maor e il Vallone delle Lede:

E poi sulla distante Marmolada, la Cima del Coro, la Cima dei Vani Alti, i monti di Belluno, infine la Pala della Madonna e il più distante Sass de Mura:


Rientro

Stesso percorso dell'andata, con la possibilità di due o tre calate in corda doppia, su chiodi cementati.

gb, 2013-10-19

Copyright © 2010-2015 trekking-etc - Tutti i diritti riservati
Developed by gb-ing, powered by etc-cms

termini d'uso - esclusione di responsabilità - privacy e cookie

13565033