trekking-etc

Alpinismo

TEUFELSWAND

Roda del Diavolo, per lo Sperone Gross, da Rotwandhütte / Rifugio Roda di Vael

Teufelswand / Roda del Diavolo - Via dello Sperone Gross

Bella via di arrampicata, non particolarmente difficile, su roccia quasi sempre ottima. Ottimi i panorami dalla cima.

Le soste sono attrezzate o si possono attrezzare con protezioni rapide, è presente anche qualche chiodo di via, per il resto si riesce a proteggersi su clessidre, spuntoni e fessure.

Nota dell'autore: Ringrazio molto l'amico Armando che ha condiviso con me questa salita e che compare in svariate fotografie.


Avvicinamento

Dal Rifugio Roda de Vael, si prende il sentiero con indicazione per Torre Finestra. Lo si risale inizialmente su prati:

Poi, quando il sentiero si avvicina allo zoccolo del Croz di Santa Giuliana, sono presenti alcuni cordini, e infine una caratteristica scaletta che risale uno stretto cunicolo:

All'uscita, ci si ritrova alla base di un ampio catino erboso, e a un bivio. Si prende la traccia che conduce orizzontalmente verso ovest (quella superiore nella foto):

L'attacco si trova in corrispondenza di una nicchia nerastra:


Tracciato (parte alta)


Salita

L1, L2: Si superano le roccette sopra l'attacco, mantenendosi in cresta, fino a entrare in una conca, sotto un pilastro giallo, da non confondere con la base gialla del torrione più a sinistra. Si traversa a sinistra sotto il pilastro, trovandosi così alla base di un lungo e ripido canale, in cui si svolge la via.

Se si sale a tiri, possibilità di protezione e sosta intermedia su clessidre o spuntoni.

60 m, max III.

L3: Si risale una quindicina di metri sulla destra del canale, dove le rocce sono più facili, per poi portarsi sul lato sinistro e raggiungere una clessidra gigante, sulla quale si stabilisce una sosta:

30 m, max III+.

L4: Si sale in obliquo verso sinistra, aggirando così sulla parete sinistra il diedro-fessura strapiombante che sovrasta la sosta:

Si rientra poi verso destra, raggiungendo e superando un tratto di roccette facili. Si sale poi su placca, fino a raggiungere un diedro con fessura, dove si trovano due chiodi su cui fare sosta:

50 m, max IV-.

L5: Si obliqua a destra, evitando così di proseguire sul diedro dove questo diventa più verticale, e si sale finché si inizia a trovare roccia giallastra, allora si obliqua a sinistra, e poi si sale fino a uscire di fatto dal canale, sul lato destro:

Si punta alla forcellina in alto, dove si sosta su spuntone.

50 m, max IV-.

L6: Si traversa a sinistra fino a raggiungere lo sperone finale, sul quale prima di traverso, poi in obliquo, infine salendo decisamente, si supera il tratto più esposto della via:

Poi si sale su difficoltà più modeste e si stabilisce una sosta su spuntone:

30 m, max IV.

Per la cima: Su facile pendio si raggiunge in poche decine di metri la cima.


Rientro

Si punta verso nord, e seguendo tracce e ometti si scende fino alla Forcella del Diaol. Lì si prende il sentiero che scende passando ai piedi del Croz di Santa Giuliana, fino a ritrovare poco dopo il sentiero di avvicinamento, e seguendolo a ritroso, ritornare al punto di partenza.

gb, 2013-08-04

Copyright © 2010-2021 trekking-etc - Tutti i diritti riservati
Developed by gb-ing, powered by etc-cms

termini d'uso - esclusione di responsabilità - privacy e cookie

17615023

Teufelswand
Roda del Diavolo, per lo Sperone Gross, da Rotwandhütte / Rifugio Roda di Vael

Chiudi