trekking-etc

Alpinismo

CIMA DEL LAGO

per il Diedro Dall'Oglio, da Capanna Alpina

/treks/europe/it/bz/val-badia/fanis/cima-del-lago/dscn5538/image.jpg

Si tratta sicuramente di una delle più belle vie classiche delle Dolomiti, con salita su roccia stupenda, lungo una linea entusiasmante, con scenari e panorami spettacolari.

Le soste sono presenti, nei tratti impegnativi non mancano i chiodi, e abbondano le possibilità di piazzare protezioni veloci.

Nota dell'autore: Ringrazio gli amici Flavio e Federico che mi hanno invitato a percorrere con loro questa via, e che compaiono in numerose foto.


Accesso

Da San Cassiano in Val Badia, o dal Passo di Valparola, si raggiunge località Armentarola, nei pressi della quale si svolta prendendo la stradina per Rifugio Capanna Alpina (indicazioni). Nei pressi del rifugio, si trova parcheggio a pagamento.


Avvicinamento

Si prende il sentiero 20:

/treks/europe/it/bz/val-badia/fanis/cima-del-lago/sentiero.jpg

Si tratta di una stradina sterrata che sale a tornanti fino al Rifugio Scotoni:

Rifugio Scotoni

Si prosegue ancora per il sentiero 20, che ora sale lungo una valletta con torrente:

/treks/europe/it/bz/val-badia/fanis/cima-del-lago/sentiero-1.jpg

Si raggiunge così il bivio con il sentiero 20b, che si prende, arrivando subito al Lago di Lagazuoi:

/treks/europe/it/bz/val-badia/fanis/cima-del-lago/laghetto-di-lagazuoi/image.jpg

Si costeggia il lago seguendo una traccia tra i mughi, che poi inizia a salire sui ghiaioni che scendono dalla Forcella del Lago; si abbandona la traccia che sale per prenderne una che traversa verso sinistra, mirando alla base della parete a sinistra della Cima del Lago:

/treks/europe/it/bz/val-badia/fanis/cima-del-lago/dscn5467/image.jpg

Leggermente a sinistra del punto più alto del ghiaione alla base della parete, giusto a sinistra di un camino, si trova l'attacco:

/treks/europe/it/bz/val-badia/fanis/cima-del-lago/attacco.jpg


Salita

L1, L2, L3, L4: Si risale lo zoccolo, mirando al punto in cui la cengia si raccorda con la parete, circa 160 m più in alto, riconoscibile da una zone di rocce gialle soprastanti.

La salita avviene senza via obbligata; un occhio attento aiuterà a seguire la linea più facile e con roccia più salda:

/treks/europe/it/bz/val-badia/fanis/cima-del-lago/zoccolo.jpg

Nelle prime due lunghezze, di circa 40 m ciascuna, si tende a spostarsi un po' a sinistra, mentre nelle successive due, di circa 50 m ciascuna, si procede sostanzialmente dritti o verso destra.

Si trova una prima sosta su chiodi:

/treks/europe/it/bz/val-badia/fanis/cima-del-lago/prima-sosta.jpg

Una seconda sosta su clessidra:

/treks/europe/it/bz/val-badia/fanis/cima-del-lago/seconda-sosta.jpg

una terza sosta su chiodi:

/treks/europe/it/bz/val-badia/fanis/cima-del-lago/terza-sosta.jpg

Si sale su roccia buona, di III grado con passi di IV-:

/treks/europe/it/bz/val-badia/fanis/cima-del-lago/dscn5484/image.jpg

/treks/europe/it/bz/val-badia/fanis/cima-del-lago/dscn5485/image.jpg

La parte finale, in un diedro con lama a destra

/treks/europe/it/bz/val-badia/fanis/cima-del-lago/dscn5488/image.jpg

porta sulla cengia, alla quarta sosta, su chiodo:

/treks/europe/it/bz/val-badia/fanis/cima-del-lago/quarta-sosta.jpg

175 m, III, passi di IV-.

Cengia: si traversa a destra per una cinquantina di metri, senza raggiungere il diedro (variante possibile ma un po' più ostica). L'attacco della quinta lunghezza si trova sotto una nicchia, in corrispondenza di uno spit.

50 m, 0

L5: Si sale nella nicchia

/treks/europe/it/bz/val-badia/fanis/cima-del-lago/quinta-lunghezza.jpg

poi si procede in diagonale verso destra; subito a destra di un'altra nicchia si trova una buona clessidra su cui fare sosta:

/treks/europe/it/bz/val-badia/fanis/cima-del-lago/quinta-sosta.jpg

15 m, IV, IV-, 2 chiodi, sosta su clessidra

L6: Si traversa a destra fino al diedro e si inizia a salire lungo di esso, trovando vari chiodi di via:

/treks/europe/it/bz/val-badia/fanis/cima-del-lago/dscn5501/image.jpg

/treks/europe/it/bz/val-badia/fanis/cima-del-lago/dscn5509/image.jpg

Si arriva a una cengetta, dove poco a sinistra del diedro si fa sosta su due chiodi:

/treks/europe/it/bz/val-badia/fanis/cima-del-lago/sesta-sosta.jpg

35 m, IV, 5 chiodi, sosta su due chiodi

L7: Si sale ancora lungo il diedro, o appena a sinistra, fino al trovare una nicchia con due clessidre, su cui si sosta:

/treks/europe/it/bz/val-badia/fanis/cima-del-lago/settima-sosta.jpg

45 m, IV e IV-, chiodo, sosta su clessidre

L8: Si sale ancora nel diedro, e dove si biforca, si prende quello a destra:

/treks/europe/it/bz/val-badia/fanis/cima-del-lago/dscn5518/image.jpg

Si raggiunge una cengia con massi, uno dei quali è utilizzabile come spuntone per la sosta:

/treks/europe/it/bz/val-badia/fanis/cima-del-lago/ottava-sosta.jpg

35 m, IV- e IV, chiodo, sosta su spuntone

L9: Si aggira lo strapiombino salendo in obliquo a sinistra (2-3 metri, non di più), per poi tornare al diedro:

/treks/europe/it/bz/val-badia/fanis/cima-del-lago/dscn5520/image.jpg

Lo si segue fino alla sosta su grossa clessidra, leggermente a sinistra del diedro:

/treks/europe/it/bz/val-badia/fanis/cima-del-lago/nona-sosta.jpg

35 m, IV, passo di IV+, chiodo, sosta su clessidra

L10: Si segue il filo del magnifico diedro fessurato:

/treks/europe/it/bz/val-badia/fanis/cima-del-lago/dscn5525/image.jpg

/treks/europe/it/bz/val-badia/fanis/cima-del-lago/2014-07-17-11-32-14.jpg

raggiungendo l'uscita della via.

25 m, IV, sosta su spuntone

Per la cima: Per facili tracce di sentiero si raggiunge prima il libro di vetta (ometto) e poi la Cima del Lago. Spettacolare il panorama in tutte le direzioni: le Conturines, il Gruppo di Fanis, il Lagazuoi, e l'omonimo lago:

/treks/europe/it/bz/val-badia/fanis/cima-del-lago/dscn5543/image.jpg

e più lontano vari gruppi dolomitici, tra cui Marmolada e Sella:

/treks/europe/it/bz/val-badia/fanis/cima-del-lago/dscn5535/image.jpg


Rientro

Dalla cima si torna all'uscita della via, per poi scendere prevalentemente verso sud-est, per tracce di sentiero e ometti, con qualche tratto di facile disarrampicata:

/treks/europe/it/bz/val-badia/fanis/cima-del-lago/rientro.jpg

Si raggiunge così il punto di calata, su grossa clessidra, con cordini e maglia rapida:

/treks/europe/it/bz/val-badia/fanis/cima-del-lago/punto-di-calata/image.jpg

La calata è lunga poco meno di 30 m.

Si prosegue per tracce (possibilità di una seconda, breve calata) fino a scendere nel vallone, in prossimità della Forcella del Lago, dove si scende per il sentiero 20b:

/treks/europe/it/bz/val-badia/fanis/cima-del-lago/rientro-2.jpg

Si arriva così al Lago di Lagazuoi, da dove si ripercorre a ritroso il sentiero di andata.

gb, 2014-07-17

Copyright © 2010-2021 trekking-etc - Tutti i diritti riservati
Developed by gb-ing, powered by etc-cms

termini d'uso - esclusione di responsabilità - privacy e cookie

23464377