trekking-etc

Speciale Montagnav(v)entura 2014 Racconto Itinerante
Descrizione
Escursionismo

RACCONTO ITINERANTE

il percorso, da Sopramonte a Trento

/special/ma-2014-racconto-itinerante/dscn4422/image.jpg

Il Racconto Itinerante di Montagnav(v)entura, edizione 2014, si è svolto in compagnia di Enrico Brizzi, scrittore Bolognese e presidente di giuria del Premio.

Il percorso ricalca un tratto del Sentiero di San Vili, che collega Trento con Madonna di Campiglio, aperto dalla SAT nel 1988. Lo proponiamo come itinerario poiché riteniamo che abbia una suo fascino e un suo significato, storico e paesaggistico, anche se percorso al di fuori dell'evento citato.


Accesso

Nel caso ci si rechi in città in auto, si raccomanda di lasciare il veicolo al parcheggio presso la Ferrovia Trento Malé o al parcheggio Garage Centro Europa, entrambi a pagamento (si veda la mappa). In pochi minuti si raggiunge a piedi la Stazione Ferroviaria, presso la quale si trova la fermata del bus urbano n.6 (consultare gli orari).

Con il bus urbano si raggiunge Sopramonte, e si scende alla fermata che si trova al centro del paese, in Piazza Oveno.

/special/ma-2014-racconto-itinerante/sopramonte/image.jpg


Percorso

Si sale lungo il paese

/special/ma-2014-racconto-itinerante/salendo.jpg

percorrendo Via dei Turcati, Via dei Segati, Via della Belina e Via al Palù, per poi prendere una bella stradina di campagna.

Si segue la stradina salendo tra campi e radure erbose, tenendo la destra a un bivio non segnato. Bella la vista su Monte Gazza e Paganella:

/special/ma-2014-racconto-itinerante/dscn4409/image.jpg

Dopo aver attraversato un tratto di bosco, si raggiunge la SP85, che si costeggia per meno di 100 m

/special/ma-2014-racconto-itinerante/dscn4413/image.jpg

fino al tornante, a Passo Camponzin.

Il percorso ora può scendere verso Maso Camponzin, su un tratto di stradina asfaltata (lavori in corso in aprile-maggio 2014), oppure proseguire nel bosco (variante verde sulla mappa):

/special/ma-2014-racconto-itinerante/sentiero-nel-bosco/image.jpg

Nel primo caso si passa per Maso Camponzin, si oltrepassa un bivio, dove finisce il tratto asfaltato, più avanti si attraversa la SP85

/special/ma-2014-racconto-itinerante/attraversamento/image.jpg

e si raggiunge un altro bivio.

Nel secondo caso, si sale leggermente nel bosco, poi si scende, dopo un po' si attraversa la SP85 si scende ancora e in breve ci si ricongiunge al percorso originario.

In ogni caso, il percorso offre una bella veduta sulla Val d'Adige:

/special/ma-2014-racconto-itinerante/dscn4419/image.jpg

Continuando a scendere si raggiunge l'abitato di Sardagna:

/special/ma-2014-racconto-itinerante/quasi-a-sardagna.jpg

Si attraversa il paese, oltrepassando la bella fontana:

/special/ma-2014-racconto-itinerante/dscn4429/image.jpg

Ora si può andare verso la stazione della funivia, proseguendo lungo il paese seguendo le indicazioni (variante bianca sulla mappa). Con la funivia si scende a Trento. Bella la vista sulla città e sul Fiume Adige.

L'itinerario consigliato prevede invece di scendere in città a piedi. All'altezza della Chiesetta di San Rocco

/special/ma-2014-racconto-itinerante/chiesetta/image.jpg

si prende il sentiero che prima scende nel bosco, poi percorre un brevissimo tratto della SP85, fino a un tornante, dove si devia per una stradina, che passa a fianco della chiesetta di San Antonio:

/special/ma-2014-racconto-itinerante/chiesetta-di-s-antonio/image.jpg

Belle le viste sulla città, sui monti circostanti, e sulla Val d'Adige. Ecco per esempio una vista sulla Chiesa di Sant'Apollinare e Ponte San Lorenzo:

/special/ma-2014-racconto-itinerante/dscn4446/image.jpg

Si continua a scendere fino a raggiungere la strada, senza prenderla. Si svolta invece a destra, passando a fianco di Ca' dei Gai

/special/ma-2014-racconto-itinerante/dscn4453/image.jpg

poi si scende

/special/ma-2014-racconto-itinerante/ultimi-passi-discesa.jpg

raggiungendo così Piazzale Divisioni Alpine:

/special/ma-2014-racconto-itinerante/piazzale-divisioni-alpine/image.jpg

Proseguendo, si passa per la piazza di Piedicastello, vicino alla chiesa di Sant'Apollinare, poi si attraversa il Ponte San Lorenzo.

/special/ma-2014-racconto-itinerante/dscn4463/image.jpg

Subito a destra dopo il ponte si trova la stazione a valle della funivia.

Il percorso originario (variante arancione sulla mappa) prevede ora di dirigersi verso sud per il Lungadige, fino a superare il Palazzo delle Albere e raggiungere l'omonimo quartiere, dove si trova l'avveniristico MUSE (Museo delle Scienze)

/special/ma-2014-racconto-itinerante/dscn4469/image.jpg

e la sede ITAS.

Per chiudere il percorso, invece, si supera il ponte ferroviario e si torna alla stazione.

gb, 2014-04-23

Copyright © 2010-2015 trekking-etc - Tutti i diritti riservati
Developed by gb-ing, powered by etc-cms

termini d'uso - esclusione di responsabilità - privacy e cookie

12067425