trekking-etc

Trekking

DESCRIZIONE

Isola d'Elba: Grande Traversata Elbana

Mappa generale

Siamo due coppie, in amicizia ormai da tempo, e abbiamo già viaggiato insieme.

Quando, nel corso del 2016, ho lanciato l'idea della Grande Traversata Elbana (GTE), i consensi sono stati unanimi ed entusiastici.

Quattro escursionisti

L'idea di attraversare in tutta la sua lunghezza un'isola dalle rinomate bellezze, che offre sia paesaggi di montagna che di mare, e conseguentemente una flora e una fauna molto variegate, sembrava molto attraente.

Monte capanne

Spiaggia di Barbarossa

Le nostre speranze sono state non solo soddisfatte, ma ampiamente superate.

Abbiamo trovato paesaggi stupenti, luoghi suggestivi, ottima accoglienza, cibo prelibato, e data la stagione primaverile, una natura rigogliosa, nel pieno della sua fioritura.

Fioritura


Tappe

Il percorso canonico della GTE procederebbe da est a ovest, con le seguenti tappe: da Cavo a Porto Azzurro, da Porto Azzurro a Marina di Campo, da Marina di Campo a Poggio, da Poggio a Pomonte.

Il nostro percorso è stato invece progettato per viaggiare da ovest a est, e seguire più fedelmente la dorsale montuosa che forma l'isola:


Logistica generale

Noi abbiamo scelto di lasciare l'auto sul continente: sull'isola, solo noi e il nostro zaino.

Quello che serve, quindi, è:

  • Trovare un'autorimessa dove lasciare l'auto a Piombino. Utile allo scopo il portale Info Elba.
  • Prenotare il traghetto. Ci viene nuovamente in aiuto Info Elba.
  • Spostarsi nell'isola utilizzando i mezzi pubblici. Utile allo scopo un'altra pagina dello stesso portale.
  • Trovare strutture per il pernottamento. Sul web non mancano indicazioni; per quanto ci riguarda, nella descrizione delle singole tappe sono riportati i luoghi dove abbiamo pernottato, con soddisfazione, durante il nostro viaggio.

Attenzione alla cartografia: abbiamo potuto constatare che quella cartacea non è sempre fedele. Purtroppo anche la segnaletica, per chi è abituato ai sentieri alpini, non sempre è presente, o quantomeno non lo era nel 2016. L'app trekking-etc/viewer, con gli itinerari delle singole tappe scaricabili per l'utilizzo off-line, è la guida ideale per seguire facilmente il percorso.


Il primo giorno

Dopo aver viaggiato dalla nostra città fino a Piombino, lasciamo l'auto all'autorimessa, e zaino in spalla ci rechiamo al porto, dove ci attende il nostro piccolo e agile aliscafo:

20160508_110620

Raggiungiamo così Portoferraio, dove altri hanno scelto evidentemente di viaggiare più in grande:

20160508_130243

Pranziamo nel capoluogo dell'isola, poi ci spostiamo a Pomonte con la corriera. Troviamo un paese piccolo ma accogliente e suggestivo.

20160508_170253

Abbiamo tempo per una passeggiata lungo la costa, tra le rocce arrotondate dall'erosione e le macchie di vegetazione, tipicamente mediterranea.

20160508_174715

20160508_174650

20160508_174736


Da Pomonte a Procchio

Partiamo da Pomonte e saliamo lungo il crinale che delimita a sinistra la vallata che scende verso il paese.

20160509_081448

20160509_082419

20160509_085313

Superiamo vari rilievi minori, tra cui Monte Orlando, Monte Cenno, Colle della Grottaccia.

20160509_095143

Qua e là si trovano ricoveri in pietra.

20160509_095201

Ci dirigiamo verso Le Filicaie, il passo che separa il Monte Le Calanche dal Monte Capanne,

20160509_104228

Da lì saliamo, per lo più su roccia, con l'ausilio di cordini dove necessario, verso la cima:

20160509_110320

20160509_111903

Torniamo sui nostri passi,

20160509_112826

e scendiamo sul versante opposto dell'isola,

20160509_120350

con vista sulla costa.

20160509_121220

Il terreno e la vegetazione variano continuamente all'abbassarsi della quota.

20160509_125528

20160509_133039

20160509_141858

Raggiungiamo Procchio, e ne approfittiamo per una breve visita al paese e alla vicina spiaggia.

20160509_164712


Da Procchio ad Acquabona

Appena lasciata la zona abitata, quando ci addentriamo nel verde, il paesaggio ci ricorda in modo inequivocabile che siamo in primavera.

20160510_083154

Saliamo per uno strano sentiero, scavato dall'erosione.

20160510_084940

Uno scorcio panoramico si apre alle nostre spalle.

20160510_094320

Orientandoci con attenzione nella fitta rete di sentieri, raggiungiamo Monte San Martino.

20160510_094723

Tra le molte macchie fiorite, il Cistus Albidus è una presenza costante.

20160510_095815

Ammiriamo i paesaggi sulla costa, tra cui una bella vista su Portoferraio.

20160510_103015

20160510_105835

Attraversiamo un bosco di sughere.

20160510_114247

Raggiungiamo la cima del Monte Orello, in un'atmosfera mistica,

20160510_123024

e camminiamo tra cespugli fioriti.

20160510_123537

Scorgiamo la parte di crinale sul quale cammineremo il giorno successivo.

20160510_130057

Avvistiamo l'insenatura in prossimità dalla quale si trova la nostra meta del giorno,

20160510_130504

mentre altri sono indaffarati in un'attività molto diversa dalla nostra.

20160510_132131

Raggiungiamo l'agriturismo, dove ci sentiamo subito i benvenuti.

20160510_134028

Una visita alla spiaggia ci offre, oltre alla vista a mare,

20160510_175013

uno scorcio sul Castello del Volterraio.

20160510_172936

La squisita cena, a base di prelibatezze locali, e l'amabile conversazione con i titolari dell'agritur, concludono in modo estremamente piacevole questa giornata.


Da Acquabona a Rio nell'Elba

Dopo una colazione davvero rigenerante, ripartiamo e siamo subito nella natura.

20160511_093156

20160511_100809

Ci inoltriamo nel bel paesaggio collinare, con i suoi dolci saliscendi,

20160511_101326

20160511_103037

e le suggestive visuali,

20160511_124458

e ci eleviamo lungo il crinale, che culmina su Cima del Monte. Lungo la successiva discesa, alla nostra sinistra, il panorama è dominato dal Castello del Volterraio.

20160511_123755

Più a distanza, si vede ancora la baia di Portoferraio.

20160511_124437

Ci avviciniamo infine a Rio nell'Elba, un suggestivo e piccolo borgo posto sulle pendici che volgono a mare.

20160511_131425

Scendiamo lungo le pittoresche stradine,

20160511_131945

fino a raggiungere il ranch dove pernotteremo.

20160511_143254

20160511_165356

Riceviamo anche qui un'ottima accoglienza. Il mirto prodotto personalmente dal titolare è un vero piacere per il palato, e ci intratteniamo piacevolmente con lui, abitante non autoctono, mentre ci racconta il fascino e il piacere della vita sull'isola.


Da Rio nell'Elba a Cavo

Ripartiamo, dopo una ricca colazione,

20160512_085506

e scopriamo presto l'origine del toponimo del paese.

20160512_090721

20160512_090741

20160512_090920

Risaliamo le strette viuzze,

20160512_091523

e oltre i tetti delle case e il campanile della chiesa, lo sguardo si protende verso il mare, fino a scorgere il continente.

20160512_092112

Il Castello del Volterraio si svela più chiaro ai nostri occhi,

20160512_093925

il cielo è quasi sereno,

20160512_094522

e i panorami sono ancor più emozionanti.

20160512_094906

In un gradevole saliscendi collinare,

20160512_100700

con vista a mare, spesso su entrambi i versanti dell'isola,

20160512_101916

ammiriamo le suggestive baie, l'acqua cristallina,

20160512_102231

e il territorio sempre incantevole.

20160512_102302

20160512_115835

20160512_121914

20160512_123026

Abbiamo ormai da tempo superato Monte Strega, e raggiungiamo la seconda elevazione della tappa, Monte Grosso, e il caratteristico rudere detto Semaforo.

20160512_123230

20160512_130559

20160512_124347

Riprendiamo il cammino, nella direzione di Cavo.

20160512_130636

20160512_130648

Un lungo diversivo nel bosco soprastante la costa ci porta a scoprire lo strano e particolare Mausoleo Tonietti.

20160512_141249

Infine, abbassandoci di quota, ci troviamo sul litorale.

20160512_150228

20160512_152340

Una passeggiata al porticciolo,

20160512_175458

e il colore degli scogli illuminati dalla luce del tramonto, ci regalano gli ultimi suggestivi scorci di questa splendida giornata, che suggella in modo perfetto la nostra meravigliosa traversata.

20160512_192723


Porto Azzurro

E' facile raggiungere Porto Azzurro, da Cavo, con i mezzi pubblici. Il luogo si presenta subito molto suggestivo, con l'azzurro del suo mare,

20160513_103936

e con un inteso profumo di gelsomini.

20160513_103856

Con un tratto di cammino relativamente breve (siamo abituati a ben altro!), raggiungiamo la Spiaggia di Barbarossa.

Dopo un bagno a mare, lascio vacante il mio posto in spiaggia,

20160513_114647

e mi elevo lungo la panoramica Passeggiata Carmignani.

20160513_114729

20160513_115203

20160513_115521

20160513_121441

20160513_140145

Tornato sui miei passi, convinco le signore a seguirmi lungo il bel sentiero,

20160513_135430

che ci riporta a Porto Azzurro,

20160513_140339

20160513_141124

e al profumo dei gelsomini.

20160513_141352

Dopo questa giornata rilassante e piacevole, siamo pronti per un'altra notte di riposo, e per il successivo rientro.

gb, 2016-05-17

Copyright © 2010-2015 trekking-etc - Tutti i diritti riservati
Developed by gb-ing, powered by etc-cms

termini d'uso - esclusione di responsabilità - privacy e cookie

11665703