trekking-etc

Ferrata

BIVACCO FIAMME GIALLE

per Ferrata Bolver Lugli, da Rifugio Colverde

Ferrata Bolver Lugli

Si tratta certamente di una delle più classiche e belle ferrate delle Dolomiti. Tecnicamente non è una delle più difficili, ma non si deve sottovalutarne la lunghezza, l'esposizione e l'altitudine.

Mentre la si percorre, la visuale sulla vallata sottostante, su San Martino di Castrozza e tutto intorno, diventa sempre più aerea e spettacolare. Bellissimi anche gli scorci che offre sulle Pale, e alcuni passaggi fra guglie e pinnacoli nella parte finale:

Anche la discesa per la Valle dei Cantoni, che viene qui suggerita, ha un suo fascino, per la particolare conformazione e ambientazione del luogo.

Nota dell'autore: Ringrazio l'amico Daniele e i miei figli Andrea e Beatrice, che hanno condiviso questo itinerario con me, e compaiono in varie fotografie.


Accesso

Si può utilizzare il parcheggio adiacente alla stazione a valle della cabinovia del Colverde, nei pressi di San Martino di Castrozza.


Avvicinamento

Dal rifugio Colverde, si prende il sentiero 712, che sale tra prati e ghiaie:

Si raggiunge il bivio con il sentiero 706 e si prosegue su questo, continuando a salire verso la parete soprastante. Si raggiunge così la targa che segna l'inizio della ferrata, circa a quota 2300 m:

La salita avviene prima su un tratto di roccette, di I grado e qualche passo di II, protette solo occasionalmente da un tratto di cordino, per circa 250 m di dislivello:

Occorre fare attenzione a seguire costantemente i segni rossi, per non deviare dalla traccia. Si raggiunge così l'attacco, a partire dal quale il cordino diventa pressoché continuo:


Ferrata

Si sale seguendo il cavo, per un dislivello di quasi 500 m:

La ferrata è attrezzata solo con cordino; solamente un breve tratto in camino è attrezzato anche con staffe:

Alcuni passaggi sono molto esposti:

La salita è entusiasmante; il panorama sempre più spettacolare:

Infine si risale lungo la parete destra di un ultimo canale:

All'uscita si percorre l'ultimo tratto di ferrata:

Dopodiché ci si dirige verso il bivacco su un ultimo tratto di sentiero:

e si raggiunge in breve la meta.


Rientro

Si scende verso il Passo del Travignolo:

Poi si scende lungo la Valle dei Cantoni. Dopo averne disceso una buona metà ci si rende conto, guardando indietro, di quanto è lungo il vallone:

Mentre guardando verso il basso si intuisce quanto manca ancora da percorrere:

Un cartello invita a non sbagliare direzione di discesa:

La discesa avviene per nevaio, tratti di roccette, con qualche occasionale cordino, e tratti di sentiero. In fondo al vallone, si piega a destra, salendo su roccette, con qualche cordino, e poi più dolcemente, su sentiero, verso Passo Bettega:

Lo si svalica e di scende dalla parte opposta, piegando a sinistra e evitando di scendere nel vallone che porta direttamente al Rifugio Colverde. Si risale invece lungo la costa di Cima Corona, fino a intravedere finalmente La Rosetta:

Proseguendo, si raggiunge prima il Rifugio Rosetta, poi la stazione a monte della funivia, e con quella si torna al punto di partenza.

gb, 2013-08-06

Copyright © 2010-2021 trekking-etc - Tutti i diritti riservati
Developed by gb-ing, powered by etc-cms

termini d'uso - esclusione di responsabilità - privacy e cookie

14860401